America, lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump: crede davvero all’esistenza del Patriota Q

di Bufale.net Team |

America, lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump: crede davvero all’esistenza del Patriota Q Bufale.net

Imbarazzo in America, lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump è la notizia, confermata, del giorno.

Ed arriva a inserire nuovi sassi e spilli negli stivali di Trump dato che proprio nel momento in cui Trump cerca di discostarsi dalla narrazione di QAnon chiedendo pacificazione sociale, al presumibile scopo di il richiesto Impeachment lo Sciamano di QAnon ce lo ributta dentro a forza.

Ricordiamo che le opposizioni dei Repubblicani, poco inclini allo “strappo” dell’impeachment sono proprio giustificate dal fatto che ai Repubblicani basta che Trump si moderi da solo negli ultimi giorni, oscillando la possibilità di un esautoramento o una censura come deterrente.

Motivo in più perché se Jake Angeli, per gli amici lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump questo precario equilibrio subisce una nuova spallata.

E non è certo la cosa più strana di questa quantomeno bizzarra vicenda.

Imbarazzo in America, lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump: crede davvero all’esistenza del Patriota Q

Esattamente come nel titolo, scopriamo dalle dichiarazioni che lo Sciamano di QAnon crede davvero nell’Esistenza del Mitologico Patriota Q.

Riassunto della puntata precedente: cosa è il Patriota Q?

Ricordiamo per chi non avesse letto i nostri articoli, una sorta di figura leggendaria del complotto, bellissimo e ricchissimo capo di tutte le Spie del Mondo (tranne l’MI6, come vedremo, suo acerrimo nemico).

Una figura immaginaria nata su 4chan, una “imageboard” popolata dal maschio bianco spossessato.

La creazione artificiale di imageboard e chat anonime come 4Chan, un Capitan Planet del Maschio Beta Diseredato che prende vita dall’unione delle loro solitudini.

Il Patriota Q è una sorta di Capitan Planet del maschio bianco diseredato, in modo che dall’unione delle loro frustrazioni prenda vita il più grande difensore di Trump, il Patriota Q. Riporta un documentario al riguardo:

“Abbiate pietà per il giovane maschio bianco. Non ha lavoro, vive a casa con numeri da record. Non fa sesso (e se lo fa non è neppure un granché). È un infelice, spesso aggressivo e miserabile, e molti di loro si gettano negli abissi più oscuri della rete per cercare sollievo e commiserazione per la loro rabbia e risentimento contro donne, persone di colore e, generalmente, il tessuto stesso della società.”

Fin qui ci siamo? Il Patriota Q nasce come l’avatar di rabbiose masse di diseredati, un club di soli maschi nella loro casa sull’albero che, non a caso, si congregano sperando che il Patriota Q abbatta ogni vestigia di una società progressista (che gli nega il coito), donne bellissime come Katy Perry (che gli negano il coito), sognando una società sullo stile di Handmaid’s Tale, in modo che non gli si possa negare il coito.

Il Patriota Q che negli anni si è rivelato più che un ipervirile superspione una specie di incompetente Zapp Brannigan pronto a mandare i suoi seguaci al massacrato per risultati includenti.

Nell’arco di soli cinque sei anni la lista delle cose, persone ed entità a cui il Patriota Q aveva promesso una vita corta e dolorosa torturati per sua mano nei campi di sterminio a Guantanamo e che l’hanno umiliato in modi che nella stessa lore dei QAnon tracimano dall’umiliante al patetico si sta allungano costantemente.

Abbiamo il Patriota Q, il “Pistola d’Oro” al servizio di Trump beffato da Soros che più volte è sfuggito alla morte, sconfitto dagli Obama (nell’UFO Spaziale di Eva Braun), battuto agli “scacchi 4D” da Hillary Clinton, che ha vistoi suoi seguaci divorati dai Teletubbies al completo, è stato umiliato dalle tette di Katy Perry (che, essendo la madrina del 25ennale di Pokemon, lo avrà fatto sottomettere da Ash Ketchum e il Team Rocket al completo…), sottomesso da Tom Hanks, beffato da Matteo Renzi, umiliato da Xena la Principessa Guerriera e Conan il Barbaro e invaso dai Rettiliani.

E, ciliegina sulla torta, tutt’ora, secondo la teoria #ItalyDidIt, ricercato dall’unica spia più bellissima, soave e potente di lui: l’Agente Segreto Mattarella, Sergio Mattarella inviato dalla Regina di Inghilterra con la Licenza di Uccidere, ma anche quella di burlarsi del “Pistola d’Oro” Patriota Q.

E Jake Angeli, lo Sciamano di QAnon, dichiara di aver agito avendo fiducia nel “Piano del Patriota Q”.

Questo.

Lo Sciamano QAnon chiede la Grazia a Trump: il contenuto

Arriviamo ora allo zoccolo duro della grazia richiesta a Trump: mediante i suoi legali lo “Sciamano di QAnon” dichiara di aver ottemperato alla richiesta di Trump presentandosi al Congresso, premette di essere incensurato e di essersi limitato a vagare per il Congresso vestito da sciamano “in modo pacifico”, per “Far sentire la sua voce” e “perché credeva nei numerosi messaggi di Trump”.

Non dello stesso avviso la pubblica accusa, per la quale la sua posizione è decisamente più precaria.

Inoltre Jake Angeli è noto per aver dato in passato segnali di credere davvero in quello che ha riferito: in passate manifestazioni ha dichiarato che

“Il Patriota Q è un Agente del Governo che vuole liberare il Paese dai Pedofili e dai Globalisti”

E di essere in grado coi suoi poteri sciamanici di percepire i pedofili che si nascondono nelle altre dimensioni.

Ma cosa non sarà mai in grado di fare lo Sciamano di QAnon?

I dolori del giovane Sciamano

Ad esempio, pare che lo Sciamano di QAnon non riesca più a entrare nelle grazie del Patriota Q che tanto rispetta e dei suoi seguaci.

Che si sono già dichiarati pronti a scaricarlo in mondovisione, accusandolo di essere un “attore omosessuale comunista di Antifa” e abbandonandolo ad un destino giudiziario con accuse che superano il decennio.

Ad esempio, pare inoltre che lo Sciamano di QAnon, avido consumatore di cibo organico non riesca a procurarsi il cibo di cui ritiene di necessitare durante la detenzione, con suo sconforto.

È riuscito però a continuare ad avere l’affetto di sua madre, preoccupata e affranta per lui e che continua a definirlo un Patriota.

E non sappiamo cosa capiterà di questa richiesta di grazia, che al momento serve solo ad aggiungere imbarazzo e benzina al fuoco delle critiche contro Trump.

 

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News