Zero dialogo tra Trenta e Salvini sull’Operazione Sophia: “Il lunedì si svegliano nervosetti”. Cos’è?

di Redazione |

Operazione Sophia

Da alcune ore a questa parte si parla moltissimo di Operazione Sophia, concepita dall’Europa nel 2015 per limitare problemi in mare con il fenomeno dei migranti e che, come si potrà notare oggi 8 luglio, crea una profonda spaccatura tra Trenta e Salvini. Dopo essersi scagliato contro Carola Rackete, come potrete notare dal nostro articolo, il Ministro dell’Interno ha rispedito al mittente le accuse per aver rigettato quel modello, in aperto contrasto con le direttive giunte proprio dall’Europa.

Una frazione tra Ministro dell’Intero e quello della Difesa che alimenta i dissidi interni al governo tra Lega e Movimento 5 Stelle. Scendendo maggiormente in dettagli, cos’è l’Operazione Sofia? Si tratta di un piano realizzato 4 anni che si pensava potesse porre in freno ai migranti irregolari e agli scafisti. Secondo Wikipedia, si divide in tre fasi: la prima prevede sorveglianza e valutazione delle reti di contrabbando e traffico di esseri umani, con un focus per forza di cose incentrato nel Mediterraneo.

La seconda si concentra sulla ricerca e, se qualora dovesse rivelarsi indispensabile, diversione di navi sospette. Infine, l’Operazione Sophia si concentra sullo smaltimento delle navi e delle loro attrezzature, con il chiaro intento di infliggere un colpo ai trafficanti e contrabbandieri. In giornata, Il Giornale ha riportato un’intervista che il Ministro Trenta ha rilasciato al Corriere della Sera, in cui ha rinfacciato a Salvini il fatto di aver dato le spalle a quel piano. Inevitabile la risposta del leader della Lega.

A detta del Ministro dell’Interno, l’Operazione Sophia aveva il grosso demerito di portare tutti gli immigrati in Italia, affermando che qualcuno il lunedì mattina altri si svegliano “nervosetti”. Senza dimenticare l’Europa, che a suo dire sta dormendo. Insomma, ecco il video che conclude il discorso sull’Operazione Sophia, con la risposta a distanza di Salvini al Ministro Trenta dopo le recenti polemiche sui migranti.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News