Retroscena sul crollo del ponte ad Albiano Magra: il 3 novembre ANAS non lo ritenne pericoloso

di Redazione Bufale |

Albiano Magra
Retroscena sul crollo del ponte ad Albiano Magra: il 3 novembre ANAS non lo ritenne pericoloso Bufale.net

Ci sono alcuni elementi da prendere in considerazione questo mercoledì a proposito del crollo del ponte ad Albiano Magra, avvenuto proprio questa mattina. Stiamo parlando di alcune segnalazioni che ci sono pervenute subito dopo la divulgazione della notizia, considerando il fatto che la struttura era stata oggetto di lamentele da parte dei cittadini già nei mesi scorsi. I controlli, a quanto pare, a suo tempo ci sono stati per davvero, ma il ponte poi crollato non venne ritenuto pericolante, nonostante le evidenti crepe.

Cosa è avvenuto a novembre 2019 prima del crollo del ponte Albiano Magra

Tutto è riconducibile ad un post pubblicato su Facebook dal Comune di Aulla lo scorso 3 novembre 2019. Contenuto ancora disponibile online, con cui si parlò proprio dell’esito del controllo sul ponte incriminato ad Albiano Magra. Il comunicato diramato in quel frangente fu chiaro e perentorio: “I tecnici ANAS intervernuti per svolgere il sopralluogo, alla presenza dell’Assessore Mariotti e della Polizia di Stato, hanno accertato che non sussistono condizioni di pericolosità per il ponte. Il transito dei veicoli, pertanto, non subirà limitazioni“.

L’auspicio è che questa vicenda non scateni l’ironia di altri Paesi, come avvenuto qualche settimana dopo il crollo del ponte Morandi a Genova a suo tempo. A rendere la questione più inquietante, poi, abbiamo una replica sui social proprio da parte del Comune di Aulla allo stesso post, subito dopo l’arrivo dei primi commenti critici dei cittadini per l’esito dello studio.

L’approccio avuto dall’amministrazione, infatti, fa trapelare ulteriori dubbi sulla tenuta del ponte di Albiano Magra cinque mesi prima del crollo di oggi 8 aprile: “Gentile cittadina, le ricordiamo che come da articoli di stampa e da post su questo canale, il Comune di Aulla ha sollecitato negli scorsi mesi un controllo al ponte di Albiano agli enti responsabili dello stesso tratto, avendo particolare attenzione per la struttura dato il sovraccarico continuo causa chiusura della Ripa. Quindi l’impegno è costante e l’attenzione continua. Grazie“.

Ovviamente nessuna tesi complottista, ma la necessità di prendere atto delle perplessità generate dal ponte di Albiano Magra, poi crollato, mesi fa. Solo l’attuale emergenza sanitaria ha evitato che ci fosse più traffico e, probabilmente, qualche vittima.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News