Giletti perde le staffe con Formigoni su vitalizio ed autodichia: “Studio, non si preoccupi”

di Redazione Bufale |

autodichia
Giletti perde le staffe con Formigoni su vitalizio ed autodichia: “Studio, non si preoccupi” Bufale.net

Fa discutere tanto oggi 7 giugno la lite tra Giletti e Formigoni, a proposito del vitalizio riconosciuto a quest’ultimo nonostante la condanna per corruzione, per poi arrivare al significato di autodichia. Non è la prima volta che il conduttore televisivo si ritrovi a dire la sua con gli ospiti invitati, come vi abbiamo riportato alcune settimane fa su Bassetti. Considerando il fatto che qui il tema sia complesso, arrivando ad includere anche la magistratura del Senato, alcune precisazioni sono doverose.

Perché Giletti si è arrabbiato con Formigoni su vitalizio ed autodichia

Formigoni si è difeso dalle accuse che gli sono piovute addosso anche su LA7, evidenziando la legittimità della decisione che, a conti fatti, gli riconosce il tanto discusso vitalizio. Giletti ne fa dapprima un discorso di morale, dando immediatamente l’idea di non essere d’accordo, per poi perdere le staffe quando il suo interlocutore ha paragonato la magistratura ordinaria rispetto alla magistratura del Senato. Quest’ultima, infatti, opera in autodichia ed ha concesso il vitalizio allo stesso Formigoni. Il significato di autodichia è presto spiegato:

“L’autodichia è la facoltà, di cui godono alcuni organi costituzionali, di decidere autonomamente ed in deroga al principio di separazione dei poteri i ricorsi avanzati dai propri dipendenti avverso atti di amministrazione prodotti dagli organi stessi”.

Questo, almeno, quello che viene fuori da Brocardi. La materia è complessa, perché la Magistratura del Senato aveva ed ha effettivamente l’autonomia per concedere il vitalizio a Formigoni. Proprio grazie al significato di autodichia. Su questo, l’ex Presidente della Lombardia ha ragione, così come ha ragione Giletti nel sottolineare che ci siano differenze rispetto alla magistratura ordinaria.

Quella del Senato è fondamentalmente una Commissione Contenziosa ha potestà sugli atti deliberati dallo stesso Senato. Dunque, qui abbiamo un provvedimento di un organo interno che delibera su decisioni interne. Dunque, non si tratta di un Tribunale “come lo conosciamo”, ma in quel caso specifico è come se lo fosse. Questo, perché non può decidere per etica e morale, ma in autodichia. Il cui significato ora dovrebbe essere più chiaro. A seguire, il video della lite su LA7 tra Formigoni e Giletti.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News