Gaffe di Salvini sul Coronavirus in Italia: attacco al governo, ma le date sono contro di lui

di Redazione Bufale |

Coronavirus
Gaffe di Salvini sul Coronavirus in Italia: attacco al governo, ma le date sono contro di lui Bufale.net

Fa discutere non poco l’approccio avuto dall’Italia nei confronti del Coronavirus, dopo l’annuncio ufficiale del Premier Conte in merito ai due casi registrati nel nostro Paese. Il caso dei due turisti cinesi, infatti, rappresenta a tutti gli effetti la prima svolta qui da noi sul tema, al punto che Salvini ha rincarato la dose sui suoi canali social. Accendendo la polemica sul fronte politico, infatti, il leader della Lega ha deciso di attaccare l’attuale Esecutivo per non aver chiuso le frontiere tempestivamente. Ed è su questo punto che occorrono importanti chiarimenti.

Salvini contro il governo dopo l’arrivo del Coronavirus in Italia

Il Ministero della Salute ha diffuso alcune dritte per tutti, affinché si possano limitare i rischi di contagio, come vi abbiamo riportato nella serata di giovedì. Su cosa protesta Salvini? A suo dire, le frontiere dovevano essere chiuse subito. Così facendo, stando al post pubblicato poche ore fa, non ci sarebbe stato alcun caso di Coronavirus in Italia: “CONFERMATI i primi due casi di coronavirus in Italia (due turisti cinesi), CHIUSO il traffico aereo con la Cina, dichiarata l’EMERGENZA globale dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. E poi eravamo noi a essere “speculatori” e catastrofisti. Frontiere aperte, incapaci al governo“.

I punti contestati a Salvini sono due. Il primo, come riporta anche Il Fatto Quotidiano, consiste nel fatto che, dopo l’annuncio di Giuseppe Conte giunto giovedì sera, ora sappiamo che l’Italia sia il Primo Paese dell’UE a chiudere il traffico aereo dalla Cina e verso quel Paese. Il primo post a tema dell’ex Ministro dell’Interno, poi, risale a mercoledì 29 gennaio, mentre è stato appurato che la coppia di turisti sia arrivata in Italia lo scorso 23 gennaio, atterrando a Malpensa ed in piena campagna elettorale per l’Emilia Romagna.

In quel caso, Salvini ha parlato tra le altre cose di “porti aperti” in Italia e, di conseguenza, della questione immigrazione. Sostanzialmente, ha fatto riferimento anche ad altri Paesi capaci di bloccare il traffico aereo dalla Cina, ma come accennato in precedenza l’Italia ha anticipato tutti nel Vecchio Continente. Insomma, precisazioni doverose sul caso Coronavirus.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News