Chiellini urla ‘Kiricocho’ a Saka e Donnarumma para il rigore: significato e storia di Bilardo

di Redazione Bufale |

Kiricocho
Chiellini urla ‘Kiricocho’ a Saka e Donnarumma para il rigore: significato e storia di Bilardo Bufale.net

Sta diventando virale il video di Chiellini che urla a Saka “Kiricocho”, poco prima che l’attaccante dell’Arsenal si sia fatto ipnotizzare da Donnarumma. Stiamo parlando del rigore decisivo di Wembley, grazie al quale siamo diventati campioni d’Europa e per il quale ci siamo a lungo posti delle domande a proposito della mancata esultanza del nostro portiere. Qui trovate un approfondimento in merito. Oggi, però, vogliamo esaminare più da vicino il significato di un anatema che si utilizza sempre di più nel mondo del calcio.

Chiellini urla ‘Kiricocho’ a Saka: il significato del termine

A dare risalto alla storia di Chiellini che urla ‘Kiricocho’ a Saka, appena un secondo prima della parata del calcio di rigore da parte di Donnarumma, quest’oggi, è Sky. Qual è il significato di questa parola? Si tratta di un anatema argentino, che non a caso è un must soprattutto in Coppa America e nelle partite di qualificazione ai Mondiali, quando si affrontano nazionali come il Brasile e l’Argentina, fino ad arrivare ad altre realtà storiche come Uruguay, Cile e Colombia.

L’espressione è diventata famosa grazie a Carlos Bilardo, Ct dell’Argentina che vinse i Mondiali nel 1986 grazie ad un Diego Maradona letteralmente immarcabile. Tutto nasce dall’Estudiantes, in ogni caso. Il club argentino aveva un tifoso speciale, vale a dire Kiricocho. Quest’ultimo aveva una fama decisamente singolare, in quanto in tanti lo accusavano (o lo elogiavano, a seconda delle circostanze) per essere uno iettatore.

Mandato da Biliardo a seguire le squadre avversarie dell‘Estudiantes, la squadra vinse il campionato Metropolitano, uscendo sconfitta solo dalla partita contro il Boca Juniors. Fu quella l’unica avversaria che non era stata visionata da Kiricocho. Inizialmente si pensava che Chiellini avesse detto “vai Gigio”, riferito a Donnarumma, ma su Twitter e nel video che segue troviamo la sua versione dei fatti. Ed ora conosciamo anche il significato del termine.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News