4 volontari con paralisi facciale dopo il vaccino Pfizer, la FDA rassicura: “Nessuna correlazione”

di Luca Mastinu |

4 volontari con paralisi facciale dopo il vaccino Pfizer, la FDA rassicura: “Nessuna correlazione” Bufale.net

I titoli pubblicati nelle ultime ore pongono l’enfasi sui 4 casi di paralisi facciale registrati nel Regno Unito tra i volontari che hanno ricevuto il vaccino Pfizer. Il caso è simile alle due reazioni allergiche di cui abbiamo parlato ieri, 9 dicembre, specialmente nel modo in cui alcune pagine web stanno trattando la notizia. Un esempio arriva da Database Italia che nell’articolo pubblicato il 9 dicembre titola: “Vaccino Pfizer: 4 volontari colpiti da paralisi facciale. La FDA raccomanda il monitoraggio”. Approfondiamo e precisiamo insieme.

Il fatto

I 4 volontari avevano ricevuto l’iniezione durante la fase 3 e poco dopo hanno accusato i sintomi della paralisi di Bell, fenomeno che invece non si è verificato tra i volontari del gruppo placebo. La notizia è stata ripresa a gran voce da alcuni siti già noti al nostro archivio (VoxNews) e altre pagine web.

Il taglio scelto dagli autori di queste pagine è la forzata correlazione tra i 4 casi di paralisi facciale e la somministrazione del vaccino Pfizer anti Covid. Per giustificare questa chiave di lettura gli autori fanno riferimento al documento pubblicato dalla FDA (la Food and Drug Administration) a questo indirizzo. Le testate internazionali, tuttavia, fanno chiarezza.

Paralisi di Bell e vaccino non sono correlati

Business Today riassume in questo articolo quanto riportato nel documento della FDA: “Il Regno Unito osserva 20-30 casi di paralisi di Bell su 100.000 persone all’anno” e per questo la FDA rassicura sull’assenza di correlazione tra i 4 casi di paralisi facciale accusati a seguito della ricezione del vaccino da parte dei volontari. Non una semplice ipotesi, chiaramente, visto che Business Today riferisce che i 4 casi di paralisi di Bell sono stati studiati da un gruppo di ricerca statunitense.

Anche la MHRA interviene per rassicurare sull’assenza di correlazione tra i due fenomeni. Più nel dettaglio, il documento della FDA spiega (a pag. 38) che i giorni di distanza tra la somministrazione del vaccino e la comparsa dei sintomi della paralisi di Bell si sono rivelati differenti per ciascuno dei 4 casi: 3 giorni il primo, 9 il secondo, 37 il terzo e 48 giorni l’ultimo.

Verranno condotti studi di sorveglianza in 3 fasi

Soprattutto, il documento fa notare (a pag. 49) – così come Business Today e la stessa Pfizer – che la paralisi di Bell si è manifestata in 4 casi su 27.120, una percentuale di certo esigua, ma ciò non esclude che la FDA non effettuerà un monitoraggio su tutti i casi successivi.

La concessa autorizzazione all’impiego di emergenza del vaccino Pfizer

FiercePharma sottolinea che sui 4 casi di paralisi facciali verranno condotti 3 studi di sorveglianza. Tuttavia la manifestazione dei sintomi contestati non ha escluso l’autorizzazione all’impiego di Pfizer nei casi di emergenza in quanto, appunto, i 4 casi di paralisi facciale, oltre a non trovare correlazione con il vaccino, rientrano perfettamente nel range dei casi di paralisi di Bell riscontrati durante l’anno nel Regno Unito.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News