Salvini elogia il vescovo Antonio Suetta per avergli dato ragione sugli sbarchi, ma lui smentisce

di Redazione |

Antonio Suetta

Una strana storia quella che coinvolge il Ministro degli Interni Matteo Salvini ed il vescovo di Ventimiglia Antonio Suetta oggi 22 maggio. L’argomento, come spesso accade quando una vicenda investe il leader della Lega, è quello degli sbarchi dei migranti, con una recente intervista rilasciata dallo stesso vescovo che all’apparenza sembrava dare ragione alla linea sposata proprio da Salvini da un anno a questa parte. Secondo le prime ricostruzioni di questa storia, però, alla base di tutto pare ci sia stato un forte malinteso.

Torniamo dunque a parlare di Salvini sulle nostre pagine, a distanza di poche ore dalla diffusione della notizia riguardante una sua uscita sul delicato tema del riscaldamento globale. Come si potrà notare dall’approfondimento odierno, la vicenda che coinvolge il vescovo Antonio Suetta va analizzata con grande attenzione, parlando di bufala in modo corretto e senza lasciare nulla al caso. Proviamo dunque a ricostruire in modo chiaro e sintetico la vicenda.

Un paio di giorni fa il vescovo di Ventimiglia è stato menzionato da Quotidiano.net e da altre testate per aver reso pubblica una lettera nella quale ha espresso la propria opinione anche sulla vicenda degli sbarchi dei migranti. Nonostante questi siti abbiano ripreso in modo fedele il suo pensiero, tra questi si sono distinti quelli che hanno forzato dei titoli. In particolare, al vescovo Antonio Suetta non è andato giù il virgolettato a lui associato “Sugli sbarchi ha ragione Salvini”.

Sempre sul titolo si è soffermato Salvini poche ore fa sulla sua pagina Facebook, ricondividendolo con orgoglio tramite un apposito post che trovate anche a fine articolo. Peccato che subito dopo sia giunta la nuova presa di posizione del vescovo Antonio Suetta, il quale come evidenzia Riviera24 ha smentito categoricamente di essere in linea con il Ministro degli Interni sulla questione degli sbarchi:

“E’ stata una mascalzonata del titolista. Mentre l’intervista è stata pubblicata in modo corretto così non lo è stato per il titolo”.

Latest News