Primo passo per salutare la propaganda fascista: legge in Parlamento, vagonata di firme

di Redazione Bufale |

propaganda fascista
Primo passo per salutare la propaganda fascista: legge in Parlamento, vagonata di firme Bufale.net

Ci sono riscontri importanti a proposito della tanto delicata questione relativa alla propaganda fascista. La legge con la quale si potrebbe dare una spallata ulteriore al Ventennio, infatti, ha raggiunto un obiettivo a dir poco importante in queste ore, arrivando ufficialmente in Parlamento. Si tratta ovviamente del primo step che potrebbe condurre a risultati ancora più importanti sotto questo punto di vista, ma è chiaro che dietro le novità di oggi 27 febbraio ci sia soprattutto una carica simbolica non indifferente.

Già nelle scorse settimane, a proposito del libro di Bruno Vespa con accenni più o meno importanti al Fascismo, l’argomento aveva sollevato non poche discussioni. Ne abbiamo parlato con un articolo a tema. Questo sabato, invece, tocca concentrarsi su aspetti più specifici, perché se da un lato è ancora lungo l’iter che potrebbe portarci ad una nuova legge contro la propaganda fascista (ed è tutt’altro che scontato che la questione possa andare avanti), il fatto di essere arrivati a 50.000 firme la dice lunga sulla percezione che si abbia della questione.

Un primo step per dire addio alla propaganda fascista, ma la legge è ancora lontana

La nostra analisi di oggi relativa alla possibile legge contro la propaganda fascista, dunque, da un lato è una notizia vera, dall’altro richiede delle precisazioni. Come riporta Next Quotidiano, infatti, l’obiettivo delle 50.000 firme era necessario per arrivare in Parlamento. I meriti vanno soprattutto al sindaco di Stazzema, vale a dire Maurizio Verona, che ha trovato in Roberto Benigni e Liliana Segre sostenitori in grado di amplificare ulteriormente l’iniziativa.

La legge proposta contro la propaganda fascista, dicono i fautori dell’iniziativa, ha l’intento di “disciplinare pene e sanzioni verso coloro che attuano propaganda fascista e nazista con ogni mezzo, in particolare tramite social network e con la vendita di gadget“. Insomma, qualora l’iter dovesse andare avanti, ci sarà una maggiore attenzione ai contenuti pubblicati soprattutto su Facebook. Considerando anche la preoccupante crescita di community e ambienti virtuali, dove hanno ripreso piede simbologie di cui si farebbe volentieri a meno.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News