PRECISAZIONI Stop alla vendita dell’uovo Kinder e dell’Happy meal, è già in vigore

di Fabio Milella |

PRECISAZIONI Stop alla vendita dell’uovo Kinder e dell’Happy meal, è già in vigore Bufale.net

precisazioniI nostri attenti lettori, ci hanno segnalato una notizia piuttosto particolare: Stop alla vendita dell’uovo Kinder e dell’Happy Meal, è già in vigore.

La notizia è reale, ma precisiamo subito che nel titolo manca un particolare: il divieto è scattato in Cile e non riguarda solo i due prodotti citati, ma tutti i prodotti che non avranno utilizzato l’etichettatura prevista dalla nuova legge cilena.

Nel Paese Sudamericano, è entrata in vigore il 27 giugno la Ley de Etiquetados, che prevede che tutti gli alimenti confezionati riportino sull’involucro, degli esagoni neri che informino i consumatori sulla presenza di zuccheri, sodio, grassi saturi o calorie oltre i limiti imposti dalla legge cilena.

cile2

Il provvedimento, prevede inoltre il divieto di pubblicizzare ai minori di anni 14 prodotti che superino questi limiti, la pubblicità potrà essere trasmessa solo in ore notturne. Happy Meal, ovetto Kinder e tutti i prodotti che contengono giochi, adesivi, gadgets e “soprese”, usate come gancio commerciale per allettare i più piccoli, non potranno più essere venduti.

Ma non è finita, i prodotti con i limiti extra, non potranno essere venduti nelle scuole, dove, sarà consentita solo la frutta ed altri “cibi sani”, mentre sarà inserita, tra le attività didattiche, una vera e propria educazione alimentare.

cil1

Il motivo di questa drastica chiusura verso quelli che vengono definiti “cibi spazzatura” è da ricercarsi nel fatto che il Cile rappresenta uno dei Paesi con il più alto tasso obesità infantile al mondo, basti pensare, a questo proposito, che quasi un bambino su due è obeso, mentre il 12% dei bambini soffre di diabete. Numeri impressionanti che hanno spinto il Governo di Santiago a studiare delle contromisure.

La Ferrero ha comunicato che farà ricorso contro la decisione poiché la sorpresa nell’ovetto Kinder non viene considerata come gancio promozionale, ma come parte integrante del prodotto, in una nota, l’Azienda scrive:

Ferrero si riserva i diritti di attivare le istituzioni nazionali e internazionali per arrivare a una soluzione giuridica, visto che il gioco del Kinder Sorpresa è una parte essenziale del prodotto, che costituisce una sola unità. La sorpresa è l’essenza stessa dell’uovo di cioccolato e non si può considerare un gancio per il suo consumo”

Niente più Happy Hippo o Tartallegri per i bambini cileni, viene da chiedersi cosa ci sarà nell’uovo di Pasqua.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News