Morata manda un messaggio pubblico all’arbitro Pasqua dopo Benevento e squalifica

di Redazione Bufale |

Morata
Morata manda un messaggio pubblico all’arbitro Pasqua dopo Benevento e squalifica Bufale.net

Un gesto interessante ed indubbiamente apprezzabile quello di Alvaro Morata dopo la partita di Champions League tra la Juventus e la Dinamo Kiev. In seguito all’espulsione rimediata sabato scorso in campionato, a fine partita contro il Benevento (con relativa squalifica “importante), l’attaccante spagnolo ha voluto mandare una sorta di messaggio pubblico all’arbitro Pasqua. In parte per scusarsi, alla luce della frase che ha indotto il direttore di gara ad estrarre il cartellino rosso, in parte per chiarire la propria posizione.

Le parole di Morata su espulsione e squalifica per Pasqua dopo Benevento-Juve

Succede raramente che un giocatore faccia un passo indietro per un comportamento magari sopra le righe ed eccessivo. Ecco perché è apprezzabile analizzare le dichiarazioni di Morata. Nonostante la squalifica in Serie A sia ormai ufficiale, con l’ex punta del Real Madrid costretta a saltare le partite contro Torino e Genoa, è arrivata sì la conferma dell’utilizzo dell’espressione “imbarazzante” rivolta proprio all’arbitro Pasqua, ma anche qualche dettaglio in più da analizzare con grande attenzione:

“Purtroppo non posso giocare in campionato. Chiedo scusa all’arbitro per quello che ha frainteso, non era mai la mia intenzione, può essere che non ho capito bene il significato della parola imbarazzante, stavo parlando del rigore, ma avrò l’occasione di chiedere scusa di persona e chiarire con lui”.

Del resto, i dettagli dell’espulsione rimediata da Morata a Benevento ve li avevamo forniti sabato, praticamente in tempo reale, citando la frase riportata da Sky e diretta a Pasqua, prevedendo tra le altre cose che la squalifica sarebbe andata oltre la classica giornata. Cosa purtroppo avvenuta.

Opportuno a questo punto lasciarvi al video preso da Sky, con il quale possiamo osservare l’intervista che Morata ha rilasciato a Sky dopo il match di Champions League. Il tutto, con una parentesi molto importante dedicata a Pasqua e alla frase che ha portato dapprima all’espulsione in seguito al fischio finale dell’anticipo di Serie A tra Benevento e Juventus, poi alla relativa squalifica per due giornate.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News