La verità sull’Ippodromo Ghislacco: sondaggi clandestini europee 2019 con Capitan Felpato e Di Mail

di Redazione |

Ippodromo Ghislacco

Una vera e propria mania quella che sta prendendo piede in queste ore riguarda il cosiddetto Ippodromo Ghislacco, in merito ai cosiddetti sondaggi clandestini relativi alle elezioni europee 2019 in programma domenica 26 maggio. Per l’occasione, vengono utilizzati dei soprannomi per i personaggi politici noti al grande pubblico, senza citarli in modo esplicito. I dati, almeno sulla carta, sembrano essere abbastanza veritieri e in linea con quanto riportato di recente da LA 7, al contrario di quanto riportato ieri a proposito di uno studio condotto da un pagina Facebook vicina al Movimento 5 Stelle.

Quest’ultimo potete approfondirlo tramite l’apposito articolo, con un focus riguardante la prossima tornata elettorale. Al contrario, il mondo dell’Ippodromo Ghislacco esiste da sempre e ci fornisce tramite fonti di dubbia natura le presunte intenzioni di voto. Anche in prossimità delle elezioni, quando questi studi diventano assolutamente vietati, in quanto capaci potenzialmente di indirizzare le intenzioni di voto degli indecisi. Per questo motivo, in gergo, vengono denominati come veri e propri sondaggi clandestini.

Il sistema Ippodromo Ghislacco, proprio per la sua natura, presenta dei nomi in parte evocativi di esponenti politici legati ai principali partiti e movimenti italiani. Si tratta dunque di sondaggi clandestini coi quali non vedremo mai menzionati personaggi pubblici, come evidenzia Il Giornale. Vedere per credere il caso di Capitan Felpato, Di Mail, Zingaro Romano, Varenne, Lady Caciara e Turbante Europeo.

Inutile a tal proposito riportarvi gli ultimi dati emersi tramite i sondaggi clandestini per le elezioni europee 2019. I principali istituti che si occupano della materia ormai sono fermi, e gli altri finanziati dai partiti coinvolti non sono attendibili. Partendo da questi presupposti, oltre a non essere legale, tutto il mondo dell’Ippodromo Ghislacco si muove attorno ad assunti sbagliati. Insomma, fate attenzione a quello che leggete sui social in questi giorni, affinché non si venga condizionati da dati non accertati.

Latest News