“Jamie Oliver vince contro McDonald’s”, da un piccolo fatto alla bufala

di Luca Mastinu |

“Jamie Oliver vince contro McDonald’s”, da un piccolo fatto alla bufala Bufale.net

Jamie Oliver vince contro McDonald’s, si grida in caps lock in un post divenuto virale su Facebook. Secondo l’autrice del post la più grande catena di fast food del mondo avrebbe perso una battaglia legale contro lo chef Jamie Oliver che aveva accusato il brand di distribuire carne “non adatta al consumo umano” in quanto trattata con l’idrossido di ammoniaca per eliminare i batteri.

JAMIE OLIVER VINCE CONTRO McDonald’s

McDonald’s perde la battaglia legale con lo chef Jamie Oliver, il quale ha dimostrato che il cibo che vendono non è adatto per essere ingerito, perché è altamente tossico.
Lo chef Jamie Oliver ha vinto una battaglia contro la più grande catena di cibo spazzatura esistente al mondo. Oliver ha dimostrato come fanno gli hamburger.

Secondo Oliver, le parti grasse della carne vengono ′′ lavate ′′ con idrossido di ammoniaca e poi usate nella confezione della ′′ torta ′′ di carne per riempire l’hamburger. Prima di questo processo, secondo il presentatore, già questa carne non era adatta al consumo umano.

Oliver, chef attivista radicale, che ha assunto una guerra contro l’industria alimentare, dice: stiamo parlando di carni che sarebbero state vendute come cibo per cani e dopo questo processo vengono servite agli esseri umani. Oltre alla qualità della carne, l’idrossido di ammonio è dannoso per la salute. Oliver dice questo: ′′ Il processo della me*da rosa “.

Quale essere umano sano di mente metterebbe un pezzo di carne ammollata in idrossido di ammonio nella bocca di un bambino?

In un’altra delle sue iniziative Oliver ha dimostrato come si fanno i nuggets di pollo: dopo aver selezionato le ′′ parti migliori ′′, il resto: grasso, pelle, cartilagini, visceri, ossa, testa, zampe, vengono sottoposti a un frullato-separazione meccanica – è l’eufemismo che usano gli ingegneri nel cibo, e poi quella pasta rosata dal sangue viene deodorata, decolorata, riodorizzata e ridipinta, cappate nella melcocha farinacea e fritta, questo è riambito in oli solitamente parzialmente idrogenati, cioè tossici.

L’ industria alimentare usa l’idrossido di ammonio come agente anti-microbico, che ha permesso a McDonald’s di usare nei suoi hamburger carne, che non è adatta al consumo umano.

Ma ancora più fastidiosa è la situazione che queste sostanze basate sull’idrossido ammonio siano considerate ‘ componenti legittime in procedimenti di produzione ‘ nell’industria alimentare con le benedizioni delle autorità sanitarie in tutto il mondo. Così i consumatori non potranno mai scoprire quali sostanze mettono nel nostro cibo.

Un vecchio amico, il “pink slime”

Della “me*da rosa” di cui parla il post ci eravamo già occupati nel 2014 quando sui social circolava un’immagine spacciata per il pink slime ma che in realtà mostrava tutt’altro processo. In realtà la “poltiglia rosa” è motivo di polemiche da anni, trattandosi di un processo di lavorazione del manzo che sì, un tempo era destinato al cibo per cani per poi essere trattato con idrossido di ammonio per scongiurare la presenza di batteri. Solo dopo questo processo, gli scarti di manzo sono stati distribuiti anche nei fast food per il consumo umano. L’autrice del post parla di idrossido di ammoniaca e ingenuamente disinforma, come spiega questo articolo scientifico.

C’è da dire, tuttavia, che McDonald’s non usa più scarti di manzo trattati con idrossido di ammonio dal 2011, come riporta una nota ufficiale pubblicata a questo indirizzo. IL fenomeno era emerso anche a seguito di un’inchiesta pubblicata sul New York Times nel 2009.

Nessuna battaglia legale tra Jamie Oliver e McDonald’s

Si parla di battaglia legale tra lo chef Jamie Oliver e McDonald’s, ma nei fatti non esiste alcuna battaglia legale. Lo chef in questione è assai noto per le sue posizioni a favore del cibo sano e incontaminato, per questo nel 2011 durante il suo show Jamie Oliver’s Food Revolution imbastì una polemica sul pink slime che in quel tempo, come ricordano anche i colleghi di FactaButac, veniva usato da McDonald’s, Taco Bell e Burger King. Jamie Olive disse:

“Fondamentalmente, stiamo prendendo un prodotto che sarebbe venduto nel modo più economico per i cani e, dopo questo processo, viene dato agli esseri umani”.

La polemica ebbe un’enorme risonanza mediatica che negli anni – nel 2011 il traffico era differente – si è spostata sui social.

Abbiamo dunque chiarito un punto fondamentale che scardina l’intero apparato del post virale: non esiste alcuna battaglia legale, perché Jamie Oliver fece tutto dal suo show senza spostarsi mai in tribunale, e nemmeno McDonald’s passò per le vie legali.

 

Ribadiamo, inoltre, che nel 2013 McDonald’s dichiarò (qui un’analisi accurata dei colleghi di Snopes) di non aver più impiegato scarti di manzo trattati con idrato di ammonio dal 2011.

In ogni caso la Food and Drug Administration (FDA) e il Dipartimento americano dell’Agricoltura (USDA) dichiararono come sicura la pratica della “poltiglia rosa” in quanto la quantità di idrato di ammonio impiegato per il trattamento degli scarti di manzo era considerato tollerabile e tutt’altro che tossico per il consumo umano.

McDonald’s, tuttavia, interruppe l’impiego di tale processo per le troppe polemiche e ad oggi la tecnica non è più impiegata. Da almeno 10 anni.

Conclusioni

  • Non esiste alcuna battaglia legale tra Jamie Oliver e McDonald’s;
  • Oliver nel 2011 fece una polemica contro il pink slime, che tuttavia era una pratica riconosciuta come sicura da FDA e USDA;
  • McDonald’s interruppe la pratica nel 2011;
  • Non si parla di ammoniaca ma di idrato di ammonio, due cose diverse;
  • Le quantità impiegate nel processo della “poltiglia rosa” sono al minimo tollerabile dal consumo umano;
  • Parlare oggi, nel 2021, di una battaglia legale di Jamie Oliver contro McDonald’s significa raccontare una bufala con tutti i dettagli distorti al servizio della caccia dei like;
  • La vicenda si è conclusa nel 2011 e ancora una volta: nessuna battaglia legale, solo una polemica trasmessa dallo show di Oliver.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News