“Il mondo avrà solo una generazione di idioti”: web contro madre di famiglia

di Shadow Ranger |

“Il mondo avrà solo una generazione di idioti”, dichiarano una massa di inqualificabili esibendo una foto fuori contesto di una madre in difficoltà da esibire alle folle diffamandola e gettandola in pasto alle ingiurie ed un falso.

Ma andiamo con ordine, e partiamo dal reperto fotografico in questione

"Il mondo avrà solo una generazione di idioti", il meme
“Il mondo avrà solo una generazione di idioti”, il meme

E scindiamo la bufala-disinformazione nei suoi due elementi essenziali

Chi ti kreti di essere professorone? “Il mondo avrà solo una generazione di idioti” davvero, io gli occhi li ho, mamma kattiva!

È vero, il mondo avrà solo una generazione di idioti. E tu sicuramente ne sei l’imperatore.

La donna su cui stai gettando liquame ha un nome: Molly Lensing.

E fu una donna assai sfortunata che nel 2016, a causa di una serie di problemi tecnici, si trovò bloccata al terminale dell’Hartsfield-Jackson International di Atlanta. per un giorno intero aspettando un nuovo volo che non era mai partito.

Decise così di dormire nel terminal, a fianco di suo figlio, ma un individuo le scattò una foto quando, in tarda nottata, aveva posato il suo bambino per terra con un improvvisato lenzuolino cercando nuovamente di contattare la compagnia aerea per poter tornare a casa, o quantomeno per sapere se fosse possibile pernottare con suo figlio in un Hotel.

Fallito anche questo tentativo, avvenuto alle quattro del mattino, alla povera Molly fu notificato che non solo non sarebbe stato possibile ripartire, ma non sarebbe stato possibile ottenere una sistemazione in albergo.

Molly Lensing si adattò così a dormire sul pavimento con suo figlio e, non volendo rischiare di attendere un nuovo volo della compagnia aerea che probabilmente non sarebbe mai arrivato, contattò i suoi genitori per ottenere un passaggio a casa.

I più religiosi tra voi noteranno probabilmente le somiglianze della vicenda col racconto evangelico di Maria Madre di Dio, costretta a partorire in una stalla e prendersi cura del neonato Salvatore dell’Umanità in una mangiatoia con un bue ed un asinello.

Ma anche il bue e l’asinello avevano più umanità del Popolo della Rete.

Come evidenziammo già nel 2016, lo scatto rubato di Molly Lensing arrivò al popolo della Rete, in post come questo del 23 Agosto 2016.

Nonostante il gruppo presenti il nome “pancino” di Pance, bimbi e amore è ben poco l’amore che abbiamo notato in taluni dei commenti dell’epoca.

Vi riporteremo i commenti che abbiamo inserito all’epoca in copertina, trascrivendoli in tutta la loro sinistra brutalità

L'immagine di copertina del nostro pezzo del 2016
L’immagine di copertina del nostro pezzo del 2016

Spiccano tra i commenti cose come

avessa mis ij nderr a ess a kella troia pu**ana xo co sang c scurress a rigness e cavc mocc a kella cosa brutta o cess nfam

altra cretina a fianco manco la riempe di parole…ke skifooo non ho parole…povero amore

Azzardiamo per i non partenopei una traduzione del primo commento, cercando di renderla comprensibile

io avrei rovesciato rudemente in terra quella donnaccia di male affare, facendo scorrere il sangue sul suo volto sottoforma di una copiosa ed inarrestabile emorragia dopo averla percossa con brutalità e presa a calci in bocca fino a spaccarle i denti, quella cosa brutta e quell’infame gabinetto che è

E non visibili nello screenato appaiono altre perle come

Che mamma stronza vece di pezzare la piccola pezza aciatare su cellulare non parole che strozza di madre sei
Che mamma stronza vece di pezzare la piccola pezza aciatare su cellulare non parole che strozza di madre sei

Dove “pezzare” è usato un po’ come il verbo “puffare”, per sostituire diversi verbi creando un testo traducibile come “Che mamma stron*a! Invece di pensare alla piccola pensa a chattare sul cellulare, non ho parole che stron*a di madre che sei”

Ma nn ci posso credere!io gliene dicevo di tutti i colori di certo nn restavo a guardare!!!bastarda!
Ma nn ci posso credere!io gliene dicevo di tutti i colori di certo nn restavo a guardare!!!bastarda!

Abbiamo appurato che, probabilmente, se Nostro Signore tornasse tra noi, sarebbe accolto da stuoli di mamme pancine pronte ad ostentare il loro amore materno minacciando di morte la stessa Vergine Maria ed esibendo la loro amorosa volontà di gettarla in terra per spaccarne i denti a calci.

Credevamo all’epoca di aver fermato la lapidazione virtuale di Molly Lensing, problema non solo dei gruppi Italiani, ma anche di molti gruppi di madri estere, ma così non è stato.

Qualcuno ha riscoperto la foto di Molly Lensing, trovato l’apocrifo di Einstein e deciso, siccome “Il mondo avrà solo una generazione di idioti”, di ricominciare la lapidazione

Apocosa? Ma perkè parli difficile, professorone della kasta!

Al tempo! Ogni nostro articolo è parametrato per essere leggibile da uno scolaro diligente di anni 14. Se tu hai problemi nel farlo in questo momento, questo cosa dice di te?

Apocrifo significa quello che significa: Einstein non ha mai detto quella frase, e se ami andare in giro a dire che Einstein aveva previsto che “Il giorno in cui la nostra tecnologia supererà la nostra umanità, il mondo avrà solo una generazione di idioti”, probabilmente un idiota di questa generazione l’abbiamo appena trovato.

E lo guardi allo specchio tutte le mattine mentre ti dedichi alla tua toeletta.

Come ricorda Snopes infatti la frase che attribuisci ad Einstein proviene da un film del 1995, Powder – Un incontro straordinario con un altro essere, nel quale l’intelligentissimo e straordinario albino soprannominato “Cipria” attribuisce tale aforisma ad Albert Einstein.

Erroneamente.

Einstein aveva espresso nella sua corrispondenza il timore che una civiltà depersonalizzata e meccanica comportasse un deterioramento degli standard etici dell’umanità, ma mai nel senso brutale espresso dal meme.

E vedendo orde di individui minacciare di morte ed additare una madre che cerca di raggiungere casa con suo figlio, o almeno ottenere per lui una camera d’albergo senza riuscirvi, il suo biasimo andrebbe verso chiunque abbia condiviso foto e meme.

Latest News