Home / Disinformazione / Siberia, freddo record fino a -89 gradi a Oymyakon

Siberia, freddo record fino a -89 gradi a Oymyakon

La cosa più grave della disinformazione, oggi, è l’unità di misura. Nella fretta di riportare una notizia e creare del sensazionalismo una grave svista può seriamente compromettere l’accesso all’informazione che si vuole trasmettere: -89 gradi a Oymyakon, villaggio della Siberia considerato il centro abitato più freddo al mondo, non sono una cosa da poco.

Il 2 dicembre il sito Howotodofor ha pubblicato un articolo nel quale ha scritto che nei giorni precedenti la cittadina russa ha registrato il freddo record di -89 gradi.

In un articolo del 17 gennaio 2018 pubblicato da CBSnews leggiamo, però, che tali temperature sono considerate in Fahrenheit, mentre howtodofor non lo specifica e un lettore qualsiasi potrebbe pensare di leggere la cifra in gradi Celsius, l’unità di misura a noi più convenzionale.

Negli stessi giorni della pubblicazione su CBSnews, articoli usciti su La Stampa, Corriere della sera e Huffington Post hanno sì parlato di “paese più freddo del mondo”, ma le temperature citate, in Celsius, erano pari a -62 gradi o -67. Con un praticissimo strumento online – è sufficiente digitare “convertire celsius in fahrenheit” su Google – abbiamo tentato la conversione:

Corriere della sera, inoltre, scrive che nel 2013 la Nasa ha individuato il picco più negativo di temperatura in Antartide, con -94,7 gradi Celsius.

Parliamo di disinformazione, quindi, perché howtodofor riporta una notizia ispirata dagli articoli che i principali organi di stampa avevano pubblicato nel gennaio 2018, e soprattutto riporta una temperatura misurata in Fahrenheit senza specificarlo, ingannando i lettori che credono di leggere le cifre in Celsius.

Ti è piaciuto l'articolo?
Puoi sostenerci su Patreon o su PayPal, va bene anche una donazione minima come il costo di una grappa!

About Luca Mastinu

Nasce a Torino nel 1983, Scrittore, misantropo, ipocondriaco, acluofobo e pignolo. Admin della pagina Facebook "Diario di un ipocondriaco" e caporedattore per Bufale.net. Autore di due romanzi, vive nella propria stanza per tenersi lontano dai batteri. Ama la musica e suona il basso. Odia e soffre in Sardegna, muore e risorge a Roma.