Gratta&Vinci: Il tabaccaio si scusa, “Ha capito di avere sbagliato, è pentito”

di Bufale.net Team |

Gratta&Vinci: Il tabaccaio si scusa, “Ha capito di avere sbagliato, è pentito” Bufale.net

È forse arrivata al finale la saga del Gratta&Vinci a Napoli: il tabaccaio si scusa, “Ha capito di avere sbagliato, è pentito” riferisce il suo legale.

Saga dai molteplici colpi di scena. E quando si dice molteplici, è perché ve ne sono.

Riassunto delle puntate precedenti

Una signora, frequentatrice di un negozio di tabacchi, compra dei Gratta&Vinci. Uno risulta vincente, e la signora richiede controllo. Il tabaccaio si allontana in sella alla sua motocicletta.

Non farà ritorno e non sarà più visto fino al momento in cui sarà fermato all’aeroporto di Fiumicino, con in mano un biglietto aereo per Fuerteventura, nelle Canarie.

Fermato dalle autorità, racconterà di aver intenzione di querelare la signora, in quanto convinto che il biglietto sia di sua proprietà. Il biglietto effettivamente è stato depositato in una cassetta di sicurezza a Latina, in una banca dove il tabaccaio ha anche aperto un conto corrente ed una polizza assicurativa.

Tra indiscrezioni e voci di corridoio la situazione continua a complicarsi

Gratta&Vinci: Il tabaccaio si scusa, “Ha capito di avere sbagliato, è pentito”

Inzialmente denunciato a piede libero, il tabaccaio, fermato sulla A1, viene tradotto in carcere a Santa Maria Capua Vetere.

Le accuse a suo carico diventano furto pluriaggravato e tentata estorsione, quest’ultima alla luce di un audio nel quale si ode la sua voce proporre al figlio della signora di “dividere” i 500mila euro in cambio del ritiro della querela a suo carico e come risoluzione “pacifica” dell’insorta controversia.

Unitamente alle riprese delle telecamere questo porta il quadro difensivo ad aggravarsi: è lo stesso legale dal tabaccaio ad annunciare il colpo di scena finale. Il tabaccaio si scusa, è pentito.

La difesa valuterà l’esistenza di dubbi sul suo stato mentale, secondo AGI legati alla presenza di precedenti.

Il direttore dell’Agenzia dei Monopoli si dichiara, a questo punto, ottimista sul fatto che la signora potrà finalmente la riscossione della vincita, se la vicenda lo consentirà.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News