Facebook banna QAnon e i suoi gruppi: “Patriota Q, il ban non può attendere”

di Shadow Ranger |

Facebook banna QAnon e i suoi gruppi: “Patriota Q, il ban non può attendere” Bufale.net

Facebook banna QAnon e i suoi gruppi è una notizia prevedibile. Doveva accadere, perché esiste un limite alla violenza che puoi scatenare sulla Rete, esiste un limite alle grottesche bugie che puoi raccontare.

Tutto ha un limite e la misura è colma.

Facebook banna QAnon e i suoi gruppi, consegue ad una autentica campagna di odio e disinformazione contenente post di disinformazione sul Coronavirus e autentici serbatoi di contenuti di odio e minacce.

Ma partiamo dall’inizio. Dall’antefatto. Una carrellata dei fiumi di inchiostro che abbiamo scritto sulla delirante storia del Patriota Q. Solo un riassunto, annotato con ogni singolo articolo che, as usual, vi preghiamo di leggere. Anzi, vi consigliamo di leggere, in quanto parte integrante della narrazione.

Illustre Storia Illustrata del Patriota Q

La storia del Patriota Q parte da molto lontano. Dalla bufala del Pizzagate, parto della mente dei troll politicizzati di 4chan e simili agglomerati fascio-nerd.

Siamo nel 2016, e nel corso della loro ormai pluriennale campagna per vilificare e rendere paranoici i loro oppositori politici i nostri amici fascionerd inventano una narrazione per cui Hillary Clinton, gli Obama, svariate personalità Dem del mondo della politica del giornalismo e Katy Perry (!!) amano riunirsi in certe pizzerie pedofilosataniste dove servono l’adrenocromo alla canna.

Vale a dire neonati stappati come bottiglie per ciucciarne alla canna i preziosi fluidi midollari.

Nella foto, l'Uomo Veramente Cattivo esprime contrarietà perché a lui nei festini pedosatanici con Adrenocromo nessuno lo invita...
Nella foto, l’Uomo Veramente Cattivo esprime contrarietà perché a lui nei festini pedosatanici con Adrenocromo nessuno lo invita…

Bufala che creò alcune sgradevoli conseguenze: complottisti pronti a irrompere armati nelle pizzerie per cercare i Dem satanici e, come sempre accade quando ammanisci a qualcuno che è sia complottista che nerd una narrazione, il bisogno di creare un Supereroe.

Perché, come insegna il cinema, il Green Goblin durante i suoi esperimenti ha creato il ragno mutato che ha morso Peter Parker tramutandolo nella sua nemesi mascherata, l’Amichevole Uomo Ragno. Nei film di Tim Burton, Jack Napier ha creato Batman derubando i Wayne a Crime Alley e, di contro, Batman ha fomentato l’evoluzione di Napier nel Joker gettandolo nei rifiuti chimici della Centrale Axis. Nella saga cinematografica di Conan il Barbaro, Conan comincia il cammino che lo porterà a diventare un eroe leggendario quando il malvagio Thulsa Doom uccide i suoi genitori fabbri.

E così “la pizzeria pedosatanica con Adrenocromo della Clinton” crea la nemesi dei Dem, il famoso Patriota Q

Patriota Q: le origini

Il Patriota Q compare su 4chan, da cui deve il suo nickname americano di QAnon.

Su 4chan nessuno può avere un nome o un nickname, tutti sono “Anon”, gli “anonimi”. E il Patriota Q si presenta come un Anonimo Patriota con autorizzazione di Livello Q.

Praticamente una specie di sogno bagnato dei nerd abitanti degli scantinati, un super capo delle spie e bellissimo e ricchissimo, un G.I. Joe per i bambini fuoriquota che ora hanno quaranta anni e passa, pagato da Trump per sconfiggere i Poteri Forti.

Questo Q-Anon appare di tanto in tanto su Twitter e sui *chan con foto di aerei e località esotiche, millantando di essere in missione segretissima con Trump con l’aria del marito di moglie cornificata che millanta di essere andato in missione segreta quando era a letto con l’amante, e roboanti proclami.

Di tanto in tanto annuncia di aver arrestato Hillary Clinton, Soros o altri “nemici dell’America”, postando improbabili prove. Nel link da noi presentato in cima a questo paragrafo, ad esempio, Q-Anon si spinse ad aver dichiarato di aver personalmente deportato Soros, e che per questo lo stesso non aveva potuto postare su Twitter nell’ultimo mese.

Nella fantasia di potere di Q-Anon, degna più di un cartone animato del sabato mattina alla G.I.Joe che della vita reale, sostanzialmente esiste un Deep State, l’equivalente Americano dei nostri Poteri Forti.

A capo dei Poteri Forti ci sono Hillary Clinton, Soros e tutti i democratici, che nella fantasia allucinata di Q-Anon governano l’America con pugno di ferro manipolando la storia dell’umanità stessa dietro le quinte, ma che un Trump trasformato di post anonimo in post anonimo, di Tweet in Tweet potrà sconfiggere donando gratitudine, ricchezze e felicità ai Veri Patrioti.

Le gesta del Patriota Q diventano di volta in volta l’allucinata fantasia di un Miles Gloriosus: c’è chi spergiura di aver visto il Patriota Q salvare milioni di miliardi di Bambini Talpa delle fogne di New York dal ciucciamento dell’adrenocromo mediante cannucce di plastica, c’è che chi giura che ogni volta che Trump usa la lettera Q (aut.min.ric.) in realtà stia invocando l’amico Q, e che presto il Patriota Q arriverà al giorno del declas.

Coronavirus, Declas e altre disinformazioni

Il Declas è praticamente il Ragnarok dei poveri di spirito.

È quel giorno miracoloso in cui il Patriota Q, a capo di un esercito paramilitare segretissimo di bravacci presi direttamente dal film La notte del Giudizio amato dai nerd che ne sono pubblico, vagherà indisturbato per le strade di America dimostrando la sua grande umanità con un piano che prevede massacrare brutalmente tutte le personalità Dem americane, offrendo loro la scelta tra suicidarsi davanti ai suoi occhi o lasciarsi deportare a Guantanamo o altri campi di tortura e sterminio allestiti allo scopo, chiudere per sempre la CNN e tutte le emittenti legate ai Democratici e instaurare una dittatura mondiale Trumpista nella quale chiunque abbia mai simpatizzato per l’opposizione sia brutalizzato e annientato dalle forze di Q.

Il tutto con la grande umanità che lo contraddistingue.

Se avete cominciato a pensare che la narrazione del Declas sia un volano per incitare i fan di Q alla violenza, avete colto nel segno.

Anche da noi abbiamo avuto persone denunciate per aver minacciato personaggi politici a caso credendo che il Declas fosse un “tana libera tutti”.

Il Declas si spinge inoltre a diventare volano per le teorie complottistiche più assurde: in una sorta di gatto di Shroedinger della stupidità umana, il seguace medio del Patriota Q contemporaneamente crede che il Coronavirus sia una creazione cinese e che il Coronavirus non esiste.

Infatti, nel secondo capitolo della nostra saga di Q, abbiamo visto come, nell’allucinata narrazione dei gruppi di QAnon, il Patriota Q abbia chiesto a Donald Trump il piacere di inventarsi l’esistenza del Coronavirus per muoversi col suo esercito paramilitare segreto mentre la gente in lockdown non può vederlo.

E che, approfittando dell’ulteriore anonimato fornito dall’amico Trump, sia andato a innescare il Declas recandosi col suo esercito di mille soldati massacrando e spingendo al suicidio o alla deportazione il suo mortale nemico Tom Hanks.

"La vita è come una scatola di cioccolatini, ora vengo lì e me le sconti tutte..."
“La vita è come una scatola di cioccolatini, ora vengo lì e me le sconti tutte…”

Infatti, secondo la narrazione di QAnon, Tom Hanks in realtà non era stato infettato dal Coronavirus, ma brutalizzato dal Patriota Q coi suoi mille soldati.

Ma la sopravvivenza di Tom Hanks dimostra che, se volessimo prendere per vera la teoria cospirativa di QAnon, il Patriota Q, questo bizzarro incrocio tra il Pupazzo Gnappo e un G.I.Joe, al comando dei suoi mille soldati sia stato allegramente massacrato da Tom Hanks con 40 di febbre che ha quindi sottomesso il suo mortale nemico spingendolo a fuggire con la coda tra le gambe e le ossa mescolate in giro dall’amico Trump.

Come vedrete in questa probabile ricostruzione del fallito Declas

Facebook banna QAnon e i suoi gruppi, il Declas che non arriva… ma la teoria di QAnon continuerà

Ma attenzione: i QAnon avevano previsto anche questo.

L’FBI ha considerato i QAnon una vera e propria associazione terroristica, se non una minaccia alla sicurezza nazionale?

Il Patriota Q ha tentato il Declas durante il Lockdown ma ha fallito venendo allegramente pestato da Tom Hanks mentre la simpatica musichina degli Oliver Onions copriva il rumore del bukkake di schiaffazzi pandemici tirati dall’attore?

È semplice: il Patriota Q ha pagato l’FBI per denunciare ed arrestare tutti i suoi seguaci, fargli chiudere i gruppi Facebook ed è andato ad immolarsi prendendo mazzate di fuoco da Tom Hanks per ingannare i Poteri Forti.

Perché il suicidio è una tattica.

Come tutti sanno...
Come tutti sanno…

In una perversa incarnazione del trucco dell’Opossum Morto, essere censurati da Facebook, credere che il Patriota Q da quattro anni e rotti combatta contro i Poteri Forti venendo umiliato nei modi più fantozziani, e persino finire in galera diventa la prova che il Patriota Q esiste davvero.

E sta fingendo di essere l’agente segreto più incompetente e fallimentare di ogni tempo perché, come l’Inquisizione Spagnola, il Declas arrivi quando meno te l’aspetti.

Cosa possiamo dire, se non: “Preparate il Colasangue e i soffici cuscini”?

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News