ALLARMISMO e DISINFORMAZIONE Non mangiate questo tipo di riso, potreste anche morire – Bufale.net

di David Tyto Puente |

ALLARMISMO e DISINFORMAZIONE Non mangiate questo tipo di riso, potreste anche morire – Bufale.net Bufale.net

allarmismo-disinformazione-riso-ritirato-supermercati
Ci segnalano un articolo pubblicato il 24 gennaio 2016 dal sito Robadapazzi.com, che a sua volta riprende da Ultimissima.it, dal titolo “+++ Ritiro dai supermercati +++ L’allerta: “Non mangiate questo tipo di riso, potreste anche morire”“. Ne riportiamo il testo:

Ancora un prodotto finito nel mirino. si tratta del Riso Carnaroli della ditta Carpi Riso. Il prodotto è stato ritirato in Germania, dopo alcune segnalazioni sul ritrovamento di pezzi di vetro. Il Riso Carnaroli è attualmente bandito in Germania. Il lotto interessato è il numero 150012, venduto in confezioni da 1 kg che riportano il codice n° 80221 e la data di durata minima di scadenza del 10/02/2017, prodotto dalla Riseria Modenese s.r.l. Si raccomanda di non consumare il riso e di chiederne eventualmente il rimborso. L’allerta in questione, sottolinea Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” risulta pubblicata sul sito istituzionale del governo tedesco che si occupa di allerte alimentari.

Nell’articolo di Ultimissima.it viene citata la fonte, ossia Retenews24.it, ma il titolo dell’articolo del 23 gennaio è molto diverso: “Pezzi di vetro nel riso italiano: maxi ritiro dal mercato tedesco“. Nonostante il titolo sul sito sia diverso, sia l’url che la condivisione Facebook riportano lo stesso titolo di Ultimissima.it e Robadapazzi.com:
condivisioni
Nel leggere il titolo clickbait ci viene facilmente pensare che si sia trattato di un ritiro completo in tutta Italia. I fatti si svolgono in Germania (non in Italia) e, come è capitato in altri casi, si tratta di uno specifico lotto. Non ci risulta che il prodotto sia stato bandito in Germania.
Ecco quanto riportato dal portale istituzionale del governo tedesco tedesco Lebensmittelwarnung.de:
riso-germania
Qui potete consultare il comunicato nel formato PDF (anche su Bufale.net).

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News