Salvini su Tik Tok: flop totale

di Bufale.net Team |

Vi avevamo già parlato della famosa invasione di Salvini su Tik Tok.

Un evento lodato dai sostenitori come un coraggioso atto rivoluzionario che avrebbe cambiato il modo di fare la politica ma sul quale avevamo delle riserve. E riserve ben motivate.

Nonostante i tentativi dell’elettorato a trazione sovranista di accattivarsi le simpatie dei giovani, semplicemente il pubblico di riferimento dei sovranisti non coincide con la generazione Z.

Da un lato abbiamo infatti tentativi non riusciti di cercare un pubblico di giovani azzimati, ripuliti, tutti Patria, Dio e Famiglia pronti a sostenere un capo politico. Dall’altro una realtà in cui il giovane tipico della Generazione Z persegue valori antitetici a quelli presentati dal Sovranismo militante.

Il tracollo era, semplicemente, già scritto. Ma partiamo dalle basi

Cosa è Tik Tok

Tik Tok è l’evoluzione finale di Musically: uno spazio dove i ragazzini giovanissimi si scambiano video musicali.

Video goffi, ilari, di sorridenti ragazzini che reinterpretano le loro canzonette preferite. Ma che col tempo è diventato altro.

La Generazione Z è, infatti, per definizione una generazione dalla mente aperta. È la generazione dei Fridays for Future di Greta Thunberg, non a caso persona più odiata dal Sovranismo mondiale. È una generazione ricolma di giovani italiani di seconda e terza generazione, coloro che sarebbero colpiti da una riforma a trazione nazional-patriottica della società.

Sarebbe bastata un po’ di analisi della community per avere queste informazioni. Tik Tok è, essenzialmente, un social progressista, dove si incrociano storie di italiani di seconda generazione che si lamentano del razzismo, le giornate di ragazze e ragazzi transgender alle prese con la transizione, quindicenni incinte che mostrano con orgoglio i test di gravidanza, e ragazzi disabili che mostrano con leggerezza e spensieratezza la loro condizione.

È un social network democratico, divertente, spensierato, dove Salvini, semplicemente non c’entra nulla, e non è un tema di età.

Ci mostra l’analisi di TPI che poi cala l’asso di bastoni:

E nei commenti i ragazzi di Tik Tok si sono scatenati: “Facci un favore e disinstalla l’applicazione”, “sono lesbica, scusa”, “vattene”, ma i commenti più frequenti sono quelli che riguardano i famosi 49 milioni che la Lega deve restituire allo Stato Italiano.

Il gradimento di Salvini su Tik Tok ammonta ad un flop totale: non puoi mostrare ad una ragazzina transgender amante del ballo un video in cui personaggi politici stringono mani di poliziotti mentre parole scorrono sullo schermo come nel celebre curriculum di Barney Stinson

Una cosa così, insomma

E neppure mettere in un social pieno di ragazzini di seconda e terza generazione che cantano le canzoni di Mahmood un estratto di Talk Show aspramente critico verso l’immigrazione, oppure fare filotto parlando a dei ragazzini che amano cantare e ballare degli alberi secolari dell’Umbria.

Ogni social network ha le sue strutture ed il suo linguaggio. Facebook e Twitter sono nati vecchi, ed al momento sono l’impero dei Boomer. Ma non puoi usare un linguaggio creato per i Boomer che si commuovono davanti all’Albero Secolare e piangono commozione vedendo parole come “Onore” e “Patria” volare su uno schermo con dei ragazzini.

Sostanzialmente

L’ingresso di Matteo Salvini su Tik Tok non è stata molto apprezzata, il leader ha calpestato le regole della community, violato i codici scritti e non scritti del gruppo e invaso gli schermi di migliaia di ragazzi.

E per uno che ha costruito un’identità politica parlando di “invasione incontrollata”, forse non è stata una grande mossa.

E non possiamo che concordare: i Social sono uno strumento. E Tik Tok non era lo strumento adatto.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News