PRECISAZIONI “Rubiamo mille euro al giorno, tanto non ci fanno nulla”

di Luca Mastinu |

PRECISAZIONI “Rubiamo mille euro al giorno, tanto non ci fanno nulla” Bufale.net

Ci segnalano un video pubblicato il 1° Marzo 2017 sulla pagina Facebook Giornale 24ore:

Il video è un estratto di un servizio andato in onda su Mattino Cinque, il programma televisivo condotto da Federica Panicucci e Federico Novella (oggi sostituito da Francesco Vecchi), nella puntata dell’8 Aprile 2015 non più disponibile sul portale ufficiale Mediaset. Ai microfoni di Mattino Cinque parlavano due ragazze rom originarie della Bosnia, ostentando la loro vita fatta di furti e borseggi e affermando che col loro lavoro fruttavano fino a 1000 euro giornalieri, che a detta loro erano ben più convenienti rispetto a un lavoro onesto che porta a guadagnare la stessa cifra in un mese. La più grande delle due, specialmente, si lasciava andare in battute ciniche e spavalde, dichiarando di non riconoscere la gravità delle sue azioni. Durante la messa in onda del servizio curato dalla giornalista Francesca Bastone, ospite in studio era Matteo Salvini che commentò suscitando forti polemiche:

Il 22 Aprile 2015 arrivò la risposta di Servizio Pubblico, il programma televisivo condotto da Michele Santoro che in un servizio di Giulia Cerino intervistava la ragazzina più grande che negava tutto:

È l’8 aprile. Matteo Salvini è ospite a Mattino 5, contenitore mattutino della rete ammiraglia di Mediaset condotto da Federica Panicucci e Federico Novella. Nel corso della trasmissione va in onda l’intervista di una giornalista a una ragazza rom del campo di Castel Romano, che racconta di guadagnare fino a 1000 euro al giorno grazie a furti e rapine: “Se lavoro li faccio in un mese. Chissenefrega se rubiamo a una vecchietta, tanto lei puoi muore. Io mi prendo i soldi e sto a posto”. “Bisognerebbe radere al suolo i campi rom” attacca Matteo Salvini commentando il servizio, prima di scatenare le polemiche in rete con un post su Facebook. Servizio Pubblico ha incontrato la ragazza protagonista di quel servizio che racconta alle nostre telecamere: “Siamo uscite dalla scuola a San Paolo, ci ha visto la giornalista e ci ha dato 20 euro per dire queste cose: che noi rubiamo 1000 euro al giorno, che la vecchietta deve morire. Perché l’ho fatto? Ero fumata e lei mi ha dato 20 euro”.

Il video del servizio di Giulia Cerino non è incorporabile, ma è visionabile cliccando qui.

Il dubbio sull’autenticità del servizio di Mattino Cinque era comparso anche sul Fatto Quotidiano del 22 Aprile 2015 nell’articolo “Servizio Pubblico, rom: ‘Mattino 5 mi ha pagato per dire che rubo 1000 euro al giorno’” e su Giornalettismo nell’articolo “Servizio pubblico intervista la ragazza rom che parlò con Mediaset: «Mi hanno pagato 20 euro per dire che ne che rubo 1000»“.

All’articolo che accompagna il video di Servizio Pubblico si aggiunge un riferimento alla replica di Mattino Cinque:

Dopo le polemiche scoppiate sui social Mattino 5 replica mandando in onda una parte inedita dell’intervista, dove la stessa autrice, Francesca Bastone, dubita delle cifre riferite dalla ragazza e in studio dichiara: “Sono accuse infamanti e gravissime, non c’è stata alcuna ricompensa in denaro“.

Difatti il 23 Aprile 2015 Mattino Cinque mandò in onda l’intervista integrale alle due rom, nella quale la stessa Bastone dubitava circa le cifre espresse come frutto dei borseggi:

Francesca Bastone, al centro della bufera sulla falsità di quel servizio, spiegò che il video era al vaglio delle forze dell’ordine e ne ribadiva l’autenticità, perché suoi testimoni erano gli operatori. Federico Novella aggiunse che l’atto di parlare di intervista pagata alle telecamere di Servizio Pubblico era di sicuro frutto di un’intimidazione ricevuta dalla ragazza al seguito delle libere dichiarazioni rilasciate a Mattino Cinque. Della replica di Mediaset parlarono anche Il Secolo XIX ne “L’intervista “pagata” alle baby ladre rom, Mediaset si difende: «Menzogne gravissime»” e Leggo con “Le baby ladre rom e l’intervista ‘pagata’ in Tv. Mattino Cinque: “ecco tutta la verità”“.

Riepilogando: l’8 Aprile 2015 durante una puntata di Mattino Cinque andò in onda un servizio di Francesca Bastone nel corso del quale intervistava due ragazzine rom che vantavano il loro operato. Matteo Salvini commentò dicendo che i campi rom andrebbero rasi al suolo con le ruspe. Due settimane dopo – il 22 Aprile – Servizio Pubblico mandò in onda un servizio di Giulia Cerino in cui una delle due ragazzine negava tutto, affermando che Mattino Cinque le aveva pagate 20 euro per dire che esse arrivavano a guadagnare fino a 1000 euro al giorno con i furti e i borseggi. Il 23 Aprile dagli studi di Mattino Cinque arrivò la smentita della smentita, con la stessa Francesca Bastone a difesa dell’intervista da lei realizzata, affermando che dopo la messa in onda di quel video erano partite delle indagini.

C’è da dire, però, che il servizio incriminato non è più disponibile sul sito Mediaset, e che tale servizio era stato trasmesso poi in versione integrale nella puntata del 23 Aprile, durante la quale si rispondeva alla smentita di Servizio Pubblico.

Oggi non è possibile trovare altri chiarimenti sulla veridicità del servizio, da questo la nostra precisazione: la realtà dei borseggi nei luoghi pubblici da parte della microcriminalità è un fatto innegabile e grave, ma non vi sono ulteriori conferme né smentite sull’attendibilità del servizio mandato in onda su Mattino Cinque. Resta solamente l’ultima difesa di Mediaset, che ne garantisce l’autenticità.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News