La maestra negazionista di Treviso licenziata perché ha detto il falso sul titolo di studio

di Redazione Bufale |

Maestra negazionista
La maestra negazionista di Treviso licenziata perché ha detto il falso sul titolo di studio Bufale.net

Siamo probabilmente arrivati al capitolo finale, in merito alla vicenda della maestra negazionista di Treviso, almeno stando alle informazioni raccolte nella giornata di oggi. Dopo il nostro approfondimento della scorsa settimana, infatti, aveva preso piede la teoria secondo cui la donna sarebbe stata allontanata dall’istituto preso il quale ha ricoperto il ruolo di docente per le sue posizioni sul Covid. Vi ricordiamo, a tal proposito che la donna aveva invitato gli studenti a stare seduti vicini e a non utilizzare la mascherine secondo le testimonianze.

Anche gli avvocati mollano la maestra negazionista di Treviso licenziata

Abbiamo consultato le medesime fonti di alcuni colleghi, cercando di approfondire la vicenda della maestra negazionista di Treviso licenziata per le sue idee sul Covid. Non possiamo usare il tag “notizia vera” in quanto non abbiamo le mani sui documenti ufficiali, ma da quello che ci risulta, bisogna per il momento confermare un paio di risvolti del tutto inaspettati. Relativamente alle motivazioni che hanno indotto la dirigente scolastica ad allontanarla. Questo, al netto del bagaglio che si porta dietro il personaggio.

Come riporta Fanpage, ad esempio, anche a noi è stato riferito che la maestra negazionista di Treviso licenziata sia stata sollevata dall’incarico non tanto per le sue idee sulla pandemia, quanto per aver dichiarato il falso sul titolo di studio. Fonti del Ministero dell’Istruzione, infatti, confermano che la donna non aveva un diploma magistrale, contrariamente a quanto dichiarato al momento dell’istruzione, quanto quello da Ragioneria.

Il particolare momento storico che viviamo probabilmente le avrebbe dato ugualmente una possibilità di assunzione, nonostante con il suo diploma sarebbe finita indietro nelle gerarchie. Tuttavia, dopo aver scoperto che la maestra negazionista di Treviso ha dichiarato il falso, la dirigenza della scuola non ci ha pensato su due volte. La protagonista di questa storia, secondo il Gazzettino, in queste ore sarebbe stata scaricata anche dai suoi avvocati.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News