Il PD cancella la commemorazione per Pamela Mastropietro per non turbare la comunità nigeriana

di Luca Mastinu |

Il PD cancella la commemorazione per Pamela Mastropietro per non turbare la comunità nigeriana Bufale.net

Secondo un meme pubblicato su Facebook il PD avrebbe cancellato le commemorazioni per Pamela Mastropietro per non turbare la comunità nigeriana. Ne avevamo parlato in una precedente analisi, e oggi abbiamo la conferma che si trattasse di una bufala.

Perché avevamo parlato di Analisi in Corso?

La scelta del tag Analisi in Corso aveva scatenato non poche polemiche, tra alcuni lettori che facevano notare l’evidenza della bufala e altri che non capivano cosa ci fosse da analizzare. Lo ribadiamo in questo breve riepilogo, sperando di fugare ogni dubbio.

  1. Il meme trattava il tema della commemorazione nel giorno della morte di Pamela Mastropietro e accusava il PD di aver cancellato la ricorrenza per non turbare la comunità nigeriana. Come facciamo per ogni meme siamo andati alla ricerca di riscontri sulle testate ufficiali. Avevamo trovato riscontro sul Resto del CarlinoIl GiornaleSecolo d’Italia, e in tutti e tre i casi venivano riportate le parole del sindaco Romano Carancini. Secondo le tre testate, il primo cittadino di Macerata aveva deciso di non commemorare la morte di Pamela per rispettare il suo ricordo. Si prevedeva, tuttavia, un incontro di preghiera alle 21:15 sul luogo della tragedia. La motivazione non riguardava il rispetto della comunità nigeriana, ma andiamo al punto 2;
  2. I tre riscontri rimandavano ad un articolo dell’agenzia Adnkronos, alla quale il sindaco Carancini avrebbe riferito la volontà, appunto, di non commemorare la morte di Pamela e di voler porre fine all’equazione tra immigrazione e droga. Si presentava, però, un problema: l’articolo pubblicato da Adnkronos, unica fonte che matematicamente ci avrebbe portati alla scelta definitiva del tag, non si trovava. Questo portava all’impossibilità di consultare la fonte principale, e dunque all’impossibilità di confermare o smentire il meme.
  3. Sì, ma sul Resto del Carlino, Secolo d’Italia e Il Giornale ci sono le parole del sindaco! Verissimo, ma ripetiamo: dal momento in cui citavano una fonte (Adnkronos) e questa fonte non era in rete, abbiamo ritenuto giusto aspettare e lasciare in sospeso la nostra analisi, sicuri che sarebbe arrivata una risposta.
  4. Perché non avete parlato di bufala se la fonte non esisteva? Abbiamo trovato strano che tre testate autorevoli facessero passaparola tra loro citando una fonte irreperibile, per cui abbiamo pensato che almeno una di esse fosse in possesso di una nota d’agenzia arrivata dall’Adnkronos (e non pubblicata). Non potendo confermare nemmeno questo, abbiamo scelto analisi in corso per restare in attesa.

La commemorazione istituzionale per Pamela Mastropietro

La notizia arriva direttamente dal Comune di Macerata attraverso un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale nella giornata di ieri. Nessun PD, dunque, ha cancellato la commemorazione della tragedia di Pamela Mastropietro tanto meno con l’intento di non turbare la comunità nigeriana. Il comunicato riporta:

Da una parte si invita la città alla commemorazione istituzionale che affideremo alla sua sede più opportuna che è il Consiglio Comunale. Dall’altra c’è una dimensione privata intimamente personale che va rispettata e di cui si sono fatte interpreti anche diverse associazioni cittadine organizzando momenti di riflessione e raccoglimento.

In un servizio di VeraTV si afferma che il sindaco non ha voluto organizzare una cerimonia ufficiale, tuttavia presso il Consiglio Comunale si è tenuta una commemorazione istituzionale, circoscritta dunque alla sede ritenuta dal Comune più opportuna, come riportato nel comunicato stampa. Il rispetto della comunità nigeriana è un’invenzione di chi ha creato il meme per strumentalizzare la morte di Pamela Mastropietro.

In conclusione, presso il Consiglio Comunale si è tenuta la commemorazione delle istituzioni aperta a tutta la cittadinanza, come lo stesso Comune di Macerata riporta nei commenti comparsi sulla pagina Facebook.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News