Giuseppe Conte, Olivia Paladino e la borsa Hérmes: il ritorno degli estimatori da Facebook

di Bufale.net Team |

Giuseppe Conte, Olivia Paladino e la borsa Hérmes: il ritorno degli estimatori da Facebook Bufale.net

Olivia Paladino e la borsa Hérmes è quel genere di bufale che fanno capo allo stravagante settore degli estimatori da tastiera.

L’Università della Vita offre molteplici corsi: e così persone incapaci di distinguere tra “ha”, terza persona del verbo avere e “a” preposizione, gente che confonde coscientemente i tre punti di sospensione con le virgole e il punto e virgola si ritrovano improvvisamente laureate sul campo in virologia, ingegneria dei materiali, economia, diritto e scienze sociali.

E quando avanza loro tempo, diventano anche campioni mondiali di estimo che al confronto il Rick di Pawn Stars è un dilettante

Esattamente
Esattamente

Ci sembra solo ieri che tentavamo di spiegare ai nostri amici bugiardelli che l’orologio di Silvia Aisha Romano non poteva essere un Rolex Lady Oro, ed ere geologiche i tempi remoti in cui gente incapace di distinguere i verbi diventava in grado di identificare il valore delle catenelle d’oro nelle foto sfocate degli immigrati appena sbarcati da qualche carretta del mare.

Siamo pronti a riconoscere a chi compie un errore in buona fede il perdono. Siamo solo umani, possiamo sbagliarci.

Ma non comprenderemo mai la corsa pauperistica al “lusso del nemico”.

I danni di una politica improntata sul folle populismo sono anche questo: i giacobini da tastiera smettono il cappello frigio per indossare le uniformi di Affari di Famiglia e darsi all’estimo.

Giuseppe Conte, Olivia Paladino e la borsa Hérmes: il ritorno degli estimatori da Facebook

Quando non sapete come arrivare alla quarta settimana, ricordatevi queste foto... Giuseppe Conte, Olivia Paladino e la borsa Hérmes: il ritorno degli estimatori da Facebook
Quando non sapete come arrivare alla quarta settimana, ricordatevi queste foto… Giuseppe Conte, Olivia Paladino e la borsa Hérmes: il ritorno degli estimatori da Facebook

Recita la condivisione.

Ovviamente, riconoscere una Borsa Hermès Vintage in una foto sfocata è un po’ come distinguere il Bigfoot in una foto sgranata in bianco e nero.

O guardare una foto del Presidente del Consiglio scattata di notte con un teleobiettivo lurido e dichiarare di aver visto lo gnomo armato di Ascia.

Quella borsa potrebbe essere, letteralmente, ogni cosa.

Potrebbe essere una borsa Hermès come potrebbe essere una borsa costruita sullo stile di una borsa Hermés.

A parte il fatto che tecnicamente la signora Paladino volendo coi suoi soldi potrebbe anche comprare uno schiacciasassi industriale per strombazzare sotto casa degli analfabeti funzionali chiedendo loro se vogliono tirare i loro computer sull’asfalto per farsi dare una stiratina e, ehi, sarebbero i suoi soldi dato che la presunzione Muciana ha smesso di esistere da un bel po’.

Siamo nel XXImo secolo, non possiamo pensare che ogni donna sul pianeta sia una mantenuta che vive di stracci finché non incontra “l’uomo” che le compra cose, non sarebbe logico, coerente e neppure rispettoso della più elementare logica.

Ma anche se fosse una Borsa Hermés, ed anche volendo ascoltare le sirene del pauperismo il prezzo indicato dagli estimatori della rete è preso da un catalogo di articoli vintage ricondizionati.

Grazie al cavolo, come ogni buon collezionista saprà, anche un giocattolo degli anni ’70, in ottime condizioni e ben ricondizionato, ormai costa centinaia di volte il prezzo dell’epoca.

Basta spostarsi nel 2011 per scoprire che la Hermés originale costava 7400 euro nel 2011, con le fluttuazioni dovute al fatto che oggi sarebbe, a comprarla nuova, un esemplare da collezione.

Cosa che non significa

  1. Che quella borsa sia una Hermés, dato che è qualcosa che somiglia ad una Hermés sfocatissima
  2. Che quella borsa sia stata pagata il costo di un ricondizionato moderno
  3. Che Giuseppe Conte possa centrare qualcosa con gli acquisti di qualcuno con cui si è fidanzato

Personalmente, se chi vi scrive cominciasse a mettere becco negli acquisti che la sua partner fa coi suoi soldi, diventerebbe single in meno di trenta secondi.

Come è giusto che sia.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News