Juventus-Milan a porte aperte senza tifosi dalla Lombardia: c’è la motivazione ufficiale

di Redazione Bufale |

Stadium
Juventus-Milan a porte aperte senza tifosi dalla Lombardia: c’è la motivazione ufficiale Bufale.net

Arriva la presa di posizione di Cirio, presidente della Regione Piemonte, a proposito della possibilità che Juventus-Milan si giochi sì a porte aperte mercoledì prossimo a Torino, ma senza la presenza di tifosi rossoneri. O comunque senza coloro che arrivano dalla Lombardia, in replica a chi imputa ad alcune società le disposizioni in questione:

“I tifosi residenti nelle regioni Lombardia, Emilia Romagna e Veneto non possono uscire dalla propria regione per seguire la propria squadra al di fuori del contesto regionale di appartenenza. Questo vuol dire in applicazione pratica che la partita Juve-Milan si può fare, perché il precedente Consiglio dei Ministri ha riaperto la possibilità di svolgimento di manifestazioni sportive aperte al pubblico, ma i residenti, non i tifosi, in Lombardia (che siano dunque del Milan o della Juve non interessa) non potranno partecipare alla manifestazione”.

Articolo originale

Diventa sempre più calda la polemica tra l’Inter e Lega Serie A, dopo le pesanti accuse di Marotta sul campionato falsato in seguito alla decisione di rinviare il match contro la Juventus. Considerando il calendario pieno di impegni per la compagine nerazzurra, con la prospettiva di scendere in campo addirittura nove volte durante il mese di maggio e di non avere uno slot disponibile per la partita contro la Sampdoria, i nerazzurri hanno espresso tutto il proprio risentimento.

Dura risposta di Lega Serie A a Marotta

Non si è fatta attendere la risposta di Lega Serie A allo stesso Marotta. Come riporta Tuttosport, infatti, le parole del presidente della stessa Lega Serie A, Paolo Dal Pino, screditano non poco la posizione del dirigente dell’Inter. A tal proposito, viene menzionata una proposta inoltrata alla compagine nerazzurra, che a quanto pare ha rifiutato da subito l’idea di scendere in campo a porte aperte domani sera, nella giornata di lunedì:

“Venerdì l’ad De Siervo e io abbiamo proposto all’Inter di spostare la gara contro la Juventus al lunedì sera per disputarla a porte aperte. L’Inter si è rifiutata categoricamente di scendere in campo, si assuma le sue responsabilità e non parli di sportività e campionato falsato”.

Lo stesso Dal Pino, poi, ha precisato altri concetti, come la necessità di proteggere l’immagine della nostra Serie A all’estero, al punto da garantire che una partita come Juventus-Inter potesse giocarsi con la giusta cornice di pubblico. Insomma, le alternative per evitare all’Inter di congestionare il suo calendario a maggio c’erano e sono state anche proposte alla società nerazzurra, ma quest’ultima ha rifiutata.

Questa, almeno, la tesi portata avanti dal presidente di Lega Serie A. Staremo a vedere se nel corso delle prossime ore ci saranno ulteriori prese di posizione da parte di Marotta su quelle che è ormai diventata una telenovela dopo la decisione di rinviare la partita di ieri.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News