Presunto paragone del capogruppo Lega tra vaccino Covid-19 e sperimentazioni naziste: rimossi post e pagina

di Redazione Bufale |

Presunto paragone del capogruppo Lega tra vaccino Covid-19 e sperimentazioni naziste: rimossi post e pagina Bufale.net

Succede in Italia che un capogruppo Lega, pubblichi un post decisamente singolare contro il vaccino Covid-19, stando almeno all’allusione che si può fare al momento della lettura. Non si tratta di posizioni negazioniste contro il Coronavirus, come quella che abbiamo esaminato pochi giorni fa sul nostro sito, ma di un’uscita che testimonia un fatto abbastanza chiaro. Determinate posizioni sui modi in cui si possa combattere la pandemia tendono a prendere piede in svariati partiti e gruppi politico, senza una circoscrizione ben chiara. Il Capogruppo in questione, non menziona chiaramente il vaccino Covid-19, giusto precisarlo.

Cosa ha detto il capogruppo della Lega, a proposito del vaccino Covid-19?

Come si può dedurre dall’immagine che vi abbiamo riportato ad inizio articolo, il leghista ritiene che la somministrazione del vaccino Covid-19 non dovrà essere obbligatoria. Tema diventato caldo dopo che Putin ha dichiarato pubblicamente di aver trovato la soluzione medica per prevenire l’infezione. A tal proposito, il capogruppo della Lega nel consiglio comunale di Borgo S.Lorenzo (tra le altre cose, risulta essere anche coordinatore Lega Giovani Mugello), ha azzardato, almeno implicitamente, un paragone che ha a sua volta innescato un vero e proprio shitstorm. Vale a dire una vagonata di commenti negativi, utilizzando il gergo dei social.

Chi vi scrive ha visto il post coi propri occhi, prima della rimozione da Facebook. Addirittura, pare che il leghista dopo gli insulti e le critiche abbia deciso addirittura di cancellare la propria pagina. In questo momento, infatti, non risulta raggiungibile nel motore di ricerca interno al social network. L’unica traccia concreta è quanto riportato dalla pagina “Abolizione del suffragio universale” su Facebook. Il motivo? A detta della suddetta pagina, avrebbe paragonato la somministrazione del vaccino Covid-19 agli esperimenti medici di Mengele e quelli effettuati dai nazisti. Citando anche quanto stabilito dal processo di Norimberga.

Errore grave, visto che in quel processo si parlò di situazioni completamente differenti rispetto a quelle che si potrebbero prospettare tra pochi mesi con il vaccino Covid-19. Partendo dal fatto che, ad esempio, coi nazisti si parlava chiaramente di sperimentazione di nuovi medicinali, mentre il vaccino anti Coronavirus, quando disponibile, avrà ovviamente superato tutte le fasi test che ad oggi non lo rendono ancora utilizzabile.

Precisazioni di Francesco Atria

Riceviamo e pubblichiamo le precisazioni in merito del diretto interessato:

“Gentile redazione,
In riferimento a quanto pubblicato da alcuni in merito al mio post Facebook su “Norimberga”, ci tengo a precisare quanto segue:
La frase da me pubblicata non faceva e non fa alcun tipo di allusione e/o comparazione con l’obbligatorietà dei vaccini. Da alcuni, ne è stata fatta una massiccia strumentalizzazione di tipo politico elettorale in quanto, come si può denotare dal mio post, non c’è alcuna connessione tra i due fatti, ma bensì è stata una fanpage dal nome “abolizione del suffragio universale” ad insinuare quello che io non ho detto e non ho scritto.
Ho provveduto con il mio partito ed il mio avvocato a querelare chiunque abbia riportato parole o considerazioni da me mai pronunciate e mai scritte.
Le libere interpretazioni sono libere e restano tali solo quando esse non vanno ad alterare il significato della fonte principale. Rinnovo l’invito già più volte espresso dagli organi dirigenti del mio partito, ad una campagna elettorale basata sul merito delle proposte per il territorio e non sulla diffamazione personale a mezzo stampa.
Distinti Saluti
Francesco Atria capogruppo Lega Borgo San Lorenzo“.

 

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News