Attenzione: il video delle ragazze portate via dai Talebani è del 2017

di Bufale.net Team |

Attenzione: il video delle ragazze portate via dai Talebani è del 2017 Bufale.net

In queste ore le notizie su quanto sta succedendo a Kabul si rincorrono, dalle iniziative umanitarie del Canada ai video che mostrano le immagini della fuga disperata dei cittadini in fuga dai Talebani. Tra i tanti documenti multimediali comparsi in rete i nostri lettori ci segnalano un filmato pubblicato dall’account Instagram Possibileit nell’ultima ora. Il video mostrerebbe il momento drammatico in cui i Talebani portano via con la forza alcune ragazze afgane. Una, per la precisione. Sono immagini strazianti e che vengono attribuite a quanto sta succedendo in questi giorni.

Perché la misura di quello che sta succedendo in Afghanistan la danno queste immagini, e tutte le altre immagini che – con estrema difficoltà, e sempre più raramente, perché in tantissimi stanno chiudendo i loro profili social per paura di ritorsioni, come segnala Cecilia Sala – arrivano in questi giorni: ragazze trascinate e portate via dai Talebani, violenze, le migliaia di persone che provano a scappare da Kabul e non solo.

È una situazione umanitaria terrificante: già prima del collasso erano migliaia le persone che ogni giorno provavano a scappare dai Talebani, persone che a maggior ragione proveranno a farlo ora: sono persone appartenenti a minoranze etniche, o che temono per la loro vita perché hanno collaborato con le truppe della NATO in questi venti anni (e sono stati brutalmente lasciati soli, in questi giorni, l’ennesima vergogna nella vergogna), o donne, o magari semplicemente famiglie che sanno di poter avere un futuro solo scappando.

Passerà un po’ di tempo, prima che queste persone arriveranno alle porte dell’Europa. Ma arriveranno. E dopo gli enormi errori degli ultimi 20 anni, che hanno già reso la loro vita peggiore, l’Occidente non potrà girare la testa dall’altra parte.

Le immagini, come già detto, sono strazianti e per questo non ve le mostreremo. Troviamo un riscontro sul canale YouTube Crux in un video caricato il 22 luglio 2021, presente anche sulla pagina Facebook News18, un canale della CNN.

Le immagini sono dunque precedenti rispetto all’ingresso dei Talebani a Kabul, avvenuto domenica 15 agosto (ieri) dopo una progressiva avanzata delle milizie in tutti i territori del Paese. Secondo CruxNews18 le immagini sarebbero state catturate a Takhar, una provincia dell’Afghanistan che ha come capoluogo Taloqan. Nella descrizione del video leggiamo:

In un terribile video della provincia afgana di Takhar si vede una bambina piangere e rifiutarsi di andare con i talebani per l’attuazione dell’ordine. I talebani hanno ordinato agli afgani di fornire un elenco di ragazze di età superiore a 15 anni e vedove di età inferiore a 45 anni per schiavitù sessuale e matrimonio con i loro ‘combattenti’.

Che in Afghanistan ci sia un serio problema in termini di matrimonio infantile e abusi sessuali è un dato di fatto, e da tantissimi anni le attiviste autoctone conducono delle battaglie per porre fine a questa barbarie. Quel che vediamo nel video, seppur sfuocato, è in effetti ciò che sembra il prelievo forzato di una bambina da parte di un uomo tra la disperazione delle donne presenti.

Il video, tuttavia, non è di questi giorni né del mese scorso. Misbar.com è un sito di debunking in lingua araba. In questo articolo del 17 luglio 2021 ci fa sapere che lo stesso video viene collocato a Badghis, altra città dell’Afghanistan.

La prima comparsa del video in rete, in realtà, risale al 26 giugno 2017 ed è ancora presente a questo indirizzo con il titolo “Bambina di 9 anni donata a un uomo di 60 anni”. Nella descrizione del video viene indicato l’Afghanistan, in generale, come luogo dell’episodio ma senza coordinate più precise.

Altri riscontri su questo video non sono disponibili, e parliamo di precisazioni per specificare che non si tratta di immagini dell’attuale arrivo dei Talebani a Kabul, ma di un filmato di 4 anni fa.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News