BUFALA Paura in Calabria: avvistato strano essere a Gambarie durante nevicata – bufale.net

0
417

mothmannephilimCi sono bufale che nascono come traduzioni: bufale di terre esotiche e lontane vengono trapiantate in un contesto locale e nostrano, con risultati al limite del pecoreccio se non del grottesco.

Ci è stata segnalata questa notizia, targata Notizie Pericolose:

Misteriosa creatura avvistata qualche ora fa a Gambarie durante la nevicata che sta imperversando in tutto l’Aspromonte. Si tratterebbe di Mothman, la figura mitologica americana.
Il testimone P.F. originario di Pettogallico che ha immortalato col suo smartphone lo strano essere non ha dubbi: “Ero sul balcone della mia Villa a Gambarie insieme ad altre persone ad ammirare la nevicata mentre arrostivamo patate. È pomeriggio tardi, il cielo è cupo, non ci sono alberi che ostacolino la vista ed in quel momento vedo qualcosa muoversi. A una distanza di qualche centinaio di metri vi è una creatura marrone scuro, più larga di qualunque uccello che abbia mai visto, più di due metri, dall’aspetto umano ma con una cresta in testa. Le ali erano simili a quelle di un pipistrello e le sbatteva lentamente e regolarmente. Ho avuto una paura immane”.
La leggenda dell’Uomo Falena nasce in America alla metà degli anni Sessanta, quando un gruppo di cinque uomini avvistò una figura dalle dimensioni di un uomo, con ali e grandi occhi rossi luminosi.
A partire da quel momento gli avvistamenti di questa creatura non meglio identificata si susseguirono a una velocità allarmante, in vari punti del Paese, soprattutto in Virginia, fino a culminare nel disastro del Silver Bridge nel West Virginia, il ponte sul fiume Ohio.
Il 15 dicembre 1967 il ponte crollò provocando la morte di quarantasei persone. Si dice che il Mothman, l’Uomo Falena, fosse lì al momento del disastro, e da allora la sua presenza è sempre stata foriera di disgrazie e sciagure, come se fosse un angelo annunciatore di morte.
Una delle ultime presunte apparizioni dell’Uomo Falena, infatti, risale proprio il giorno della tragedia delle Torri Gemelle, l’11 settembre 2001. Alcune foto ritrarrebbero questa figura alata che si libra tra una torre e l’altra.
Il fatto quindi che ci siano stati alcuni avvistamenti in Italia inizia quindi a preoccupare chi crede che l’Uomo Falena sia un annuncio di disgrazie. Alcuni criptozoologi calabresi affermano che stia preannunciando il catastrofico terremoto che colpirà lo Stretto nel 2017.
fonte Ansa-Press

La fonte, ovviamente, non è l’ANSA, ma Ansa-press, l’ennesimo portale burla basato su Altervista (che nella stessa notizia originale contiene collegamenti a Notizie Pericolose suggerendo un collegamento diretto) composto da una struttura WordPress schematica ed adatta a divulgare sulla rete un testo, un’immagine e poco altro.

In un circolo vizioso di bufale, Notizie Pericolose (indicato da un disclaimer in fondo al sito come “satirico”, con la formula che purtroppo ben conosciamo) cita ANSA-Press come sua fonte, che cita a sua volta Notizie Pericolose con un’improbabile collegamento tra i pesci vipera ed i Terremoti.

In un articolo che, citati frammenti dalle enciclopedie Online sul mito di Mothman, cerca di convincere il lettore della sua apparizione in Italia come araldo di un’ipotetica distruzione dello Stretto di Messina.

Il problema è evidente: in quella foto non c’è neve.

È proprio ANSA-Press a tradire le origini della figura, intitolando la foto “A Giant demon was spotted in Arizona, is it a nephilim?”.

Foto che fa riferimento infatti ad una foto pubblicata (e poi rimossa da Facebook) da un abitante dell’Arizona, probabilmente in cerca di qualcosa di sensazionalistico.

Per la creazione della moderna fotografia ritratta nell’immagine, passare dall’essere descritto un Demone Biblico arrivato ad annunciare la fine dei tempi ad uno spauracchio legato alle bufale sullo Stretto deve essere una gran degradazione…