“Tutto bloccato al porto di Genova”, ma è Zurigo nel 2018: da trollata a bufala

di Luca Mastinu |

bufala porto di genova
“Tutto bloccato al porto di Genova”, ma è Zurigo nel 2018: da trollata a bufala Bufale.net

Che è successo questa mattina al porto di Genova? Secondo un’immagine in circolazione nelle ultime ore sui social, questa mattina – mercoledì 13 ottobre – al porto di Genova ci sarebbe stata una manifestazione che avrebbe bloccato tutto, con la partecipazione di persone e mezzi pesanti. La foto è stata scattata dall’alto e mostra una forte congestione di mezzi e manifestanti lungo un ponte e nelle aree adiacenti.

Situazione di stamattina alle 9:00
Porto di Genova,
tutto bloccato.
Fiumi di persone che manifestano pacificamente per i diritti di tutti. Noi non molliamo.

Facciamo notare che il testo in calce è scritto in caps lock e con toni sensazionalistici. Il primo problema nasce dall’assenza di riscontri ufficiali su una manifestazione non-meglio-specificata (ma intuiamo che l’utente si riferisca alle proteste contro il green pass) che avrebbe avuto luogo al porto di Genova.

Verificare è molto semplice: con una ricerca per immagine su Google possiamo risalire all’originale, e difatti troviamo subito un riscontro. Purtroppo per chi ha creduto a questo post, lo scatto è stato effettuato a Zurigo e non a Genova, nel 2018 e non questa mattina.

Un articolo pubblicato su Swiss Info il 12 agosto 2018 riporta la stessa immagine. Si tratta di uno dei momenti della Zurich Technocolour Street Parade, brevemente la Street Parade, una festa ricorrente dedicata agli appassionati della musica techno che quest’anno si è tenuta il 7 agosto. Insomma, tutt’altra situazione rispetto a un’inesistente manifestazione al porto di Genova.

Facciamo notare, inoltre, che l’autore del post è un palese troll che ha il logo dei V_V (gli attivisti no-vax e no-pass) rovesciato come immagine del profilo, oltre ad avere un nickname che rimanda ad un’espressione colorita che di certo non riporteremo. Questa immagine, tuttavia, nasce come una trollata ma sta ottenendo troppe condivisioni sui social, degenerando così da semplice scherzo a bufala.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News