Trading online: semplice, veloce e sicuro (Bufala!)

di La Redazione |

Trading online: semplice, veloce e sicuro (Bufala!) Bufale.net

Quando si parla di investimenti online non si può non pensare al trading online, anche per via delle tantissime pubblicità che sembrano spopolare sul web e, in particolare, sui social network. Spesso il trading viene dipinto come un qualcosa di semplice e sicuro per investire i propri risparmi. MA è davvero così? In realtà assolutamente no.

Il trading online rappresenta, a tutti gli effetti, uno strumento di investimento ad alto rischio e, come tale, può comportare anche la perdita totale del proprio capitale. Proprio per questo è fondamentale fare molta attenzione. Ma andiamo con ordine.

Con l’avanzare del processo di innovazione tecnologica, il settore degli investimenti ha conosciuto un numero sempre maggiore di traders.

La tecnologia, infatti, ha permesso di spalancare le porte dei mercati anche a chi ne era proibito l’accesso, in passato, a causa delle scarse conoscenze del settore finanziario o della esigua disponibilità di capitale da investire.

Oggi investire in borsa è molto più semplice e veloce, grazie al trading online che può essere eseguito in qualsiasi momento e comodamente da casa, attraverso un computer e una connessione internet.

Ciò non significa, però, che è possibile fare soldi senza sforzo. Al contrario è necessario formarsi, studiare, imparare le basi tecniche della finanza e delle principali piattaforme. Sul web ci sono risorse come tradingonlinebroker.com che spiegano come fare trading online in modo serio e professionale.

Il web è pieno di insidie e il trading è purtroppo uno dei settori che fa gola ai truffatori. Chi si approccia al trading per la prima volta, allora, è bene che tenga gli occhi aperti, faccia adeguata formazione prima di investire il proprio denaro e si affidi a broker validi e certificati.

 

Come funziona il trading: gli asset e gli strumenti

Se dobbiamo dare una definizione attendibile del trading, possiamo dire che si tratta dell’attività di investimento sui mercati di beni finanziari (asset) attraverso la rete.

 

Ciò che rende possibile la comunicazione tra il trader e il mercato è il broker, un intermediario che fornisce all’utente una piattaforma operativa e degli strumenti di investimento.

 

Gli asset disponibili da negoziare sono tantissimi ed è sempre consigliabile differenziare il portafoglio d’investimento per evitare di ritrovarsi in difficoltà se alcuni dei mercati dovessero perdere valore.

 

Azioni, materie prime, valute, criptovalute, sono solo alcuni degli asset preferiti dagli traders, che hanno la possibilità di negoziarli agevolmente grazie agli strumenti che il broker mette a disposizione di tutti gli utenti.

 

Tra questi, non possiamo non menzionare i CFD, strumenti derivati che permettono di investire sui mercati aprendo e chiudendo operazioni in maniera rapida e di soli pochi euro.

CFD è l’acronimo di Contract For Difference, e consistono in dei contratti virtuali, o accordi tra il trader e il broker, che replicano il prezzo dell’asset sottostante.

 

In altre parole, con i CFD il broker da “in prestito” l’asset all’utente, che quindi non deve comprarlo e possederlo realmente, per poter avviare delle operazioni di speculazione sui mercati.

 

In particolare, questo strumento consente di effettuare le cosiddette vendite allo scoperto, cioè di investire al ribasso e guadagnare anche se il valore dell’asset è in calo.

 

Quando si opera con i CFD è fondamentale il ruolo del broker, che deve essere efficiente e performante, per permettere all’utente di operare in tempo reale e sfruttare ogni variazione di prezzo aprendo anche più operazioni contemporaneamente.

 

Come evitare le truffe nel trading

Prima di dedicarsi al trading vero e proprio e cominciare ad investire il proprio denaro, è opportuno prendersi il giusto tempo da dedicare alla formazione e alla scelta del broker.

Come accennavamo all’inizio, il trading è un settore in cui è possibile incappare in delle truffe messe in atto per adescare gli investitori alle prime armi.

Il modo in cui agiscono è più o meno sempre lo stesso.

Attraverso la creazione di piattaforme di trading identiche a quelle valide, i broker truffa si conquistano la fiducia dei traders meno attenti abbindolandoli con promesse di rapidi guadagni senza alcuno sforzo e per mezzo di operazioni di marketing molto aggressive li convincono ad effettuare il primo deposito.

Una volta versato il denaro sul conto truffa, questo sparirà in pochi minuti e il broker non risulterà più rintracciabile in alcun modo.

Per evitare di cadere nella trappola, i principianti dovrebbero sempre tenere a mente alcune caratteristiche che contraddistinguono i broker validi dalle truffe.

Vediamo di seguito quali accorgimenti adottare ogni volta che ci si approccia ad un nuovo broker.

1. Accertarsi che il broker disponga di licenza

Per tutelare gli investitori dalle truffe e da ogni tentativo fraudolento, gli organi di controllo finanziario sottopongono i broker ad una regolamentazione e autorizzano l’operatività di coloro che rispettano i requisiti.

 

A questi broker, considerati quindi validi e affidabili, viene rilasciata una licenza da ogni ente di controllo territoriale, in modo che siano facilmente riconoscibili e autorizzati ad operare nei vari Paesi.

 

2. Optare per broker che non applicano commissioni

Vedersi ridurre i guadagni dall’applicazione di commissioni o quote fisse è demotivante per ogni trader, che sia alle prime armi o professionista.

Per questo motivo è consigliabile optare per broker che non applicano costi di commissione o percentuali considerevoli su ogni operazione.

 

I broker validi, infatti, hanno a cuore il successo dei propri utenti e non hanno intenzione di guadagnare sui loro ricavi ma riescono a sostenersi grazie agli spread, cioè quella minima differenza che passa tra il prezzo di acquisto e quello di vendita di un asset.

3. I broker validi offrono formazione e strumenti gratuiti

La formazione è uno step fondamentale per quanti vogliono fare del trading di qualità e avere successo con gli investimenti. In questo senso, anche i broker hanno interesse nel far sì che i loro utenti non compiano azioni poco ponderate e fallimentari.

Per questo motivo, molti dei broker più validi mettono a disposizione di tutti gli iscritti un’ampia sezione dedicata al materiale formativo, fruibile gratuitamente ed in maniera illimitata.

In questo modo, i principianti possono studiare adeguatamente tutti i principi del trading e apprenderne le basi teoriche.

Lo step successivo è quello di cominciare a fare pratica e, per evitare inizialmente perdite di denaro dovute all’inesperienza, gli utenti possono avvalersi di numerosi strumenti di supporto che il broker rende disponibili sempre in forma gratuita.

Uno fra questi, forse il più importante per un principiante, è il conto demo. Si tratta di un conto caricato con del denaro virtuale che può essere utilizzato per investire in sicurezza sui mercati, annullando il rischio di perdere soldi reali nel caso in cui alcune operazioni non dovessero andare a buon fine.

Un altro strumento molto utile per i traders alle prime armi è quello sviluppato dal broker eToro, il Copy Trading, che permette di copiare con un solo click le mosse dei traders più esperti ed assicurarsi così dei primi guadagni certi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News