Si specula sulla morte di Monica Schiazza, nessuna prova sulla correlazione col vaccino

di Luca Mastinu |

nessuna fonte morte di monica schiazza
Si specula sulla morte di Monica Schiazza, nessuna prova sulla correlazione col vaccino Bufale.net

Di fatto non esiste alcuna prova sul ruolo del vaccino nella morte di Monica Schiazza, stimata professoressa dell’Istituto Spataro-Paolucci di Vasto scomparsa a soli 49 anni. Della sua morte hanno parlato le testate locali, e in nessun caso sono state rese note le cause del decesso. Dal fronte no-vax, però, è già partita l’azione di sciacallaggio: per un semplice adesivo pro-vaccini apposto dalla povera Monica sul suo profilo Facebook gli antivaccinisti hanno già deciso che la stimata professoressa sia morta proprio a causa del vaccino.

È il caso della pagina Facebook Il Grande Inganno TRE e del sito internet Stop Censura, che arriva a titolare: “Addio alla professoressa Monica Schiazza: la docente di 49 anni era vaccinata“. E sì, Monica Schiazza aveva ricevuto il vaccino e lo aveva dichiarato sul suo profilo Facebook il 3 aprile 2021 apponendo l’adesivo #Fatto – vaccinazione anti Covid-19. Per gli acchiappaclick di oggi, un semplice adesivo sarebbe la prova schiacciante della correlazione tra il vaccino e la morte della professoressa.

Eppure, tra le fonti che hanno riportato la notizia non vengono affatto menzionate le cause della morte di Monica Schiazza: Histonium.net riporta le parole della dirigente scolastica.

Una professoressa che insegnava con impegno e passione, sempre pronta e disponibile, una guerriera che fino alla fine ha amato il suo lavoro di insegnante così come amava i suoi alunni e li preparava alla vita. Ci lascia un vuoto incolmabile, mancherà il suo sorriso, la sua professionalità, la sua schiettezza, la sua voglia di vivere.

Le stesse parole vengono riprese da Chieti TodayVastoweb. Ripetiamo: non è stata riportata alcuna causa della morte, ma sui social è già iniziata la caccia alla correlazione, specie da parte di utenti che da questa tragedia cercano adesioni per i loro gruppi Telegram.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Il seguente articolo fa parte del progetto di FACT-CHECKING di Bufale e segue tutte le regole del fact-checking e della metodologia qui indicata. Per eventuali reclami potete contattarci al seguente indirizzo.

Latest News