Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini… – Ancora foto di attrici

di Shadow Ranger |

Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini… – Ancora foto di attrici Bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti una condivisione dal nome “Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini. Ecco il volto della Sinistra…”

Naturalmente, la condivisione del volto di una donna di colore (che come vedremo, non è lei) dall’aria iraconda e corrucciata, circondata da commenti xenofobi da denuncia e segnalazione (che, credetemi, arriveranno). E, altrettanto naturalmente, fusa alla bufala da noi archiviata dal titolo “Condannata per spaccio, favoreggiamento della prostituzione e collaboratrice della Kyenge”

Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini... - Ancora foto di attrici
Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini… – Ancora foto di attrici

Vi rimandiamo per il fact checking della bufala in allegato al nostro testo precedente “Condannata per spaccio, favoreggiamento della prostituzione e collaboratrice della Kyenge”, dove scoprirete che A.F.B., di Pontassieve, è del tutto incensurata, quindi non può aver compiuto i reati che il testo della bufala le ascrive. Nonché, priva di legami e contatti con la Kyenge.

Ci concentreremo in questo fact checking su una questione fondamentale.

“Chi è la donna ritratta nel video?”

Questa è la gentile ed elegante ventenne che ha aggredito Salvini… – Chi è davvero la donna ritratta nel video?

La donna ritratta nel video è Dwana White, attrice di teatro e televisione apparsa in sceneggiati come E.R. – Medici in Prima Linea e Private Practice.

È il motivo per cui questa volta non censureremo il suo volto.

Il codice deontologico giornalistico e le misure a tutela dei coinvolti in casi di cronaca espressamente proibiscono di pubblicare immagini con persone anche solo in temporaneo stato di agitazione, in quanto

(Tutela della dignità delle persone)
1. Salva l’essenzialità dell’informazione, il giornalista non fornisce notizie o pubblica immagini o fotografie di soggetti coinvolti in fatti di cronaca lesive della dignità della persona, né si sofferma su dettagli di violenza, a meno che ravvisi la rilevanza sociale della notizia o dell’immagine.

Ma nulla dice sul mostrare spezzoni di spot televisivi.

Quindi passiamo ora a “Love Hurts” (“Amare fa male”), spot mandato durante il Super Bowl del 2011, dal quale è tratta quell’espressione.

Nel brevissimo corto, 30 secondi, Dwana White interpreta la moglie esasperata di un uomo interpretato da Jason Kelley (Lucifer, Young Sheldon, NCIS – Unità anticrimine), che cerca di convincerlo con modi brutali a cominciare la dieta.

Finalmente soddisfatta quando vede Jason Kelley smetterla di consumare bevande ipercaloriche per bere Pepsi Max (una bevanda dietetica senza zucchero) nel parco sotto casa, Dwana White finalmente gli sorride e comincia un brindisi dietetico… finché sulla panchina accanto non appare l’affascinante Tara Holt (I Predoni, Z-Nation, NCIS – Unità Anticrimine).

In uno scatto di rabbia, e notando come Jason Kelley stia rivolgendo le sue attenzioni a Tara Holt, cerca di lapidarlo con la sua lattina di Pepsi Max, centrando Tara Holt in pieno volto.

La coppia decide di mettere da parte i loro contrasti e fuggire scusandosi dell’increscioso.

Ovviamente il frame è tratto dalla scena immediatamente precedente il lancio della lattina, come ben potrete vedere dal video.

Quando Tara Holt sperava che questo piccolo ma divertente sport le portasse fama non crediamo intendesse questo.

E quando Vibe decise di criticare gli stereotipi insiti nella coppia White/Kelley, non penso avrebbe mai anche solo potuto anticipare che quella scenetta sarebbe diventata l’ennesimo strumento di propaganda politica.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News