NOTIZIA VERA – La storia di DANIZA

di Alessandra Fiorito |

NOTIZIA VERA – La storia di DANIZA Bufale.net

orso-bruno
L’orsa uccisa dall’anestetico in Trentino era stata catturata in Slovenia all’età di 5 anni e rilasciata sulle montagne sopra Pinzolo nel maggio del 2000, nell’ambito del piano Life Ursus, curato dall’Ente Parco Adamello-Brenta.
Daniza aveva 19 anni, e nel corso della sua breve vita aveva già dato alla luce più di una cucciolata, senza particolari problemi né per lei, né per la popolazione dei paesi limitrofi. Un giorno, più precisamente a ferragosto, un uomo del posto si è imbattuto nel plantigrado con i suoi due cuccioli.
Dalle prime informazioni pare che l’orsa, avvertita la presenza dell’uomo che si era riparato dietro un albero per osservare la cucciolata, si sia avventata contro quest’ultimo e lo abbia graffiato alla schiena e al ginocchio mordendolo infine ad uno scarpone. Lo stato di necessità che si è determinato imponeva le procedure di cattura dell’orsa e – se l’operazione fosse risultata problematica – non si sarebbe escluso il suo abbattimento.
L’ordinanza firmata dal vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Alessandro Olivi, conferma invece l’intenzione di risparmiarle la vita:

l’orsa verrà infatti catturata ma non abbattuta. «Il ricorso alla soluzione dell’abbattimento – precisa l’ordinanza – rimane come ipotesi estrema qualora l’animale, durante l’operazione di cattura, dovesse provocare un imminente, grave e non altrimenti evitabile pericolo per gli operatori e per terzi».

Si tratta – sottolinea la provincia – di una decisione «che prende atto del profilo di pericolosità che si è determinato, sulla base degli accertamenti compiuti dagli organi provinciali competenti, e che impone un intervento urgente per garantire il massimo livello di tutela della pubblica incolumità».
Questo fino a ieri, quando, dopo la cattura avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì, Daniza è deceduta in seguito all’anestesia sparatale per sedarla.
A dare la notizia è stata la Provincia di Trento in un comunicato stampa. Ancora una volta ha vinto la bestia più crudele…la MORTE.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News