NOTIZIA VERA Sindaco Roma, Paola Taverna (M5s): "Complotto per farci vincere" – Bufale.net

di David Tyto Puente |

NOTIZIA VERA Sindaco Roma, Paola Taverna (M5s): "Complotto per farci vincere" – Bufale.net Bufale.net

notizia-vera-taverna-vogliono-far-vincere-il-5-stelle
Roberta ci scrive in pagina il seguente post con una richiesta di verifica:

richiesta-taverna-complotto-roma
pare abbiano estrapolato il soliti commento da un contesto..
pare ci sia un audio che fa capire bene cosa dice.
l’audio dell’intervista a radio Cusano Campus è disponibile in rete …ascoltalo e ti renderai conto che questo articolo è fuffa
a onor del vero…. potete verificarlo? a me interessa solo che anche i media smettano di fare disinformazione.
grazie
(vediamo se domani vi danno dei servi dei 5☆ ihihih oggi del pd ).

Vediamo cosa riporta TGCom24 nell’articolo del 16 febbraio 2016 dal titolo “Sindaco Roma, Paola Taverna (M5s): “Complotto per farci vincere”“:

Ha capito tutto la senatrice del M5s, Paola Taverna. Almeno è quanto dichiara ai microfoni di Radio Cusano Campus a proposito delle elezioni amministrative nella Capitale: “Ho pensato che potrebbe essere in corso un complotto per far vincere il Movimento Cinque Stelle“. Ebbene sì: dopo la presunta esistenza delle scie chimiche, l’esponente pentastellata rende pubblica un’altra sua paura: “Vogliono mettere i Cinque Stelle alla guida di Roma per togliergli i fondi e fargli fare brutta figura“.
Questo, per la Taverna, spiegherebbe la presenza di antagonisti troppo deboli negli schieramenti di centrodestra e di centrosinistra: “La scelta di Bertolaso – dice – mi ha lasciato perplessa tanto quanto quella di Giachetti. Diciamocelo chiaramente, questi stanno mettendo in campo dei nomi perché non vogliono vincere Roma, si sono già fatti i loro conti. Al governo rimane Renzi, alla Regione Zingaretti che stiamo vedendo come sta operando, a livello economico Roma dipende da stanziamenti regionali e stanziamenti statali”. Tutto chiaro, insomma.

Sul sito di Radio Cusano Campus sono disponibili i Podcast ed è tutt’ora presente l’intervento della Taverna avvenuto il 16 febbraio 2016 (link diretto per il download). Ne riportiamo le parti riguardanti il presunto “complotto”:

Conduttore: Dicevo Taverna, c’è chi pensa che si stiano tutti organizzando per darvi in mano la patata bollente di Roma.
Taverna: Mahn, l’ho pensata anche io. La scelta di Bertolaso mi ha lasciato un po perplessa quanto quella di Giacchetti che subito ha detto “ma io rimango deputato perché siammai che non divento sindaco figuratevi che me ne frega di Roma e andare a fare il consigliere, io rimango a fare il deputato”. Diciamocelo chiaro, perché io facevo questa riflessione giusto ieri anche parlando con i colleghi…ehm… questi stanno mettendo in campo dei nomi perché non vogliono vincere Roma [1], questo è chiaro, tanto si sono fatti i loro conti. Comunque sia al Governo rimane Renzi, alla Regione abbiamo Zingaretti che abbiamo visto come sta operando, dice “gli diamo Roma e non gli diamo più una lira”[2], perché tutti i romani lo sanno che comunque a livello economico Roma dipende da stanziamenti regionali e stanziamenti statali che, finché sono loro al potere e si devono garantire l’impunità e il malaffare mandano soldi che tanto poi ritornano nelle loro tasche, dicono “adesso ci mettiamo il 5 stelle, gli togliamo i fondi cosi gli facciamo fare questa… “[2] e questo i romani lo devono capire fin da ora.
Conduttore: Quindi potrebbe esserci un complotto per far vincere i 5 stelle a Roma?
Taverna: Ma questi però non hanno fatto, si dice a Roma… e mi pregio di essere romana… “hanno fatto i conti senza l’oste” perché pensano che i romani sono rimbambiti. I romani non lo sono più, quindi noi il…la nostra campagna elettorale sarà “Prendiamoci Roma e prendiamocela tutti insieme” e quando chiuderanno i ribunetti andiamo tutti insieme sotto a Montecitorio e sotto alla Regione e gli diciamo che non si può fare. Abbiamo in mano il bilancio, questi ci stanno lasciando debiti fino al 2020 e quando avremmo finito di pagare quelli che abbiamo ne avremmo ancora sette miliardi. E questa non è opera del 5 stelle, noi dovremmo andare li, dovremmo rimboccarci le maniche, dovremmo tagliare molte teste perché questa gente se ne deve andare, dovremmo recuperare quelle che sono le persone che hanno lavorato nel comune di Roma e hanno lavorato bene, si meritano di andare a governare insieme a noi perché c’è tanta gente che lavora e che ha dovuto sottostare ad un sistema, ha dovuto sottostare ad un sistema. Io sono…io mi vergogno del nome di Bertolaso come candidato sindaco perché significa proprio della serie “Va beh va, dovevamo dire un nome, ormai con i tempi mediatici eravamo arrivati agli sgoccioli, tiriamone fuori uno e ok”.
Conduttore: Qualcuno dice “Facciamo vincere i 5 stelle a Roma, a Roma facciamo creare il caos e poi diciamo ‘Avete visto? Avete visto come fanno i 5 stelle'”.
Taverna: Ma guardi che il caos non si creerà. Questi vedranno una città che ha voglia di riprendersi in mano la propria vita, i soldi ci sono perché una volta che hai tolto gli sprechi dei costi si possono anche fare, e bisogna semplicemente capire quale è il gioco, dirgli “Va bene, le regole non ci piacciono, le regole le ristabiliamo noi” e vedrà che Roma sarà un bel…una bella sorpresa per tutti. Ma questi stanno giocando sulla pelle di tre milioni di persone, ma si può ragionare così? Ma questi possono giocare sui cittadini romani per il semplice gusto di dire “adesso perdi tu, adesso ti faccio diventare la vita un po più difficile”[2] [incomprensibile] Mio figlio di tredici anni è più intelligente. [incomprensibile] più corretto. Decidiamo all’inizio quali sono le regole e poi chi ci sta ci sta. Poi questi invece li cambiano mano a mano che decidono se vanno a governare di qua, vanno a governare di la. Voglio vedere a Milano cosa faranno.
Conduttore: Quindi lei è contenta della scelta di Bertolaso?
Taverna: La scelta di Bertolaso non mi rende contenta perché è un ulteriore schiaffo a quella che è la possibilità di scegliere liberamente. Questa non è una candidatura, è veramente il modo dire “a me di Roma non me ne frega niente”.
Conduttore: Lei dice praticamente “siamo arrivati al punto di dover dire non votateci”, dico da parte del Movimento 5 Stelle, “non votateci perché gli altri non vi piacciono, ma votateci perché vi piace il nostro programma”.
Taverna: I romani devono votarci perché hanno voglia di dimostrare che questa non è la città della politica, non è la città dello spreco, non è la città dell [incomprensibile] perché è così che ci stanno dipingendo. Quanto è facile scaricare tutto sui romani, no?
[…]
Conduttore: Per esempio, da quello che lei dice Renzi vuole molto più Milano che Roma?
Taverna: Si si, Renzi ha puntato su Milano [3] e ha deciso secondo me anche perché voi lo sapete che tutto il programma che noi andremo a presentare dovrà essere in qualche maniera vagliato dal Consiglio dei Ministri, dovrà essere deciso da lui quando noi faremo i tagli sul bilancio, comunque passerà tutto sotto Renzi. E io vorrei che i romani capissero anche chi sta da una parte e chi sta dall’altra.
Conduttore: Lui vuole Milano e il Movimento 5 Stelle vincere a Roma.
Taverna: Certo, certo, lui vuole Milano [3], vuole affossare Roma [4], vuole andare al Referendum sulla Costituzione dicendo “Vedete quanto sono bravo e quanto sono lungimirante perché tanto questi non riescono a fare perché i cordoni della borsa ce li ho io, e quindi o mi votate e io vi do piano piano un filo di respiro finché Roma terrà il passo, oppure crepate adesso insieme a loro” [5]. Questa è la politica di Renzi. La nostra è rimbocchiamoci le mani…le maniche, facciamogli capire che i cordoni della borsa sono quelli che abbiamo sulle nostre tasche, perché i romani pagano, ma pagano veramente tanto… rifiuti, mala gestione, servizi pubblici, sanità, noi paghiamo l’ira di Dio.

In estrema sintesi, secondo la Taverna i candidati avversari al M5S sono stati presentati per non vincere a Roma [1], che i conti romani dipendono dal Governo e dalla Regione che possono chiudere i rubinetti [2], che Renzi punta a Milano [3] e punta ad affossare Roma [4] per pavoneggiarsi e dire che il M5S non è capace di governare [5].

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News