NOTIZIA VERA Grano kazako respinto a Pozzallo

di Luca Mastinu |

NOTIZIA VERA Grano kazako respinto a Pozzallo Bufale.net

Ci segnalano un post pubblicato da una utente Facebook il 16 marzo 2018:

Questo è il grano che facciamo arrivare in Italia e usiamo per fare pasta e pane. Mentre il nostro che non ha tossine e viene controllato dalla presemina alla mietitura viene deprezzato. 
Poi si chiedono perché delle intolleranze e delle allergie. È già tanto che siamo vivi.
Per quelli che credono che mi sia inventata la notizia (che anche se me la fossi inventata, il grano che arriva ha questa faccia comunque) https://www.noisiamoagricoltura.com/respinte-5-mila-tonnellate-grano questa è la notizia.

La fonte indicata dalla utente trova riscontro sulle testate ufficiali e locali.

La mattina del 15 marzo un carico di 5 tonnellate di grano kazako proveniente dalla Russia e arrivato al porto di Pozzallo, in Sicilia, è stato sottoposto a controlli immediati dall’Assessore regionale all’agricoltura Edy Bandiera. Per effettuare i controlli sono intervenuti i Carabinieri Forestali, la Sanità Marittima e gli ispettori fitosanitari.

Come scrive la redazione di Noi siamo agricoltura, citata dall’autrice del post:

“Le condizioni del grano contenuto nella stiva della nave non rispettano le norme di qualità e sicurezza italiane, per tale motivo non può essere scaricato”.

La merce, infatti, è risultata non idonea per l’alimentazione umana, a causa di vistose ed estese chiazze di muffa e umido.

Gli ispettori – come riporta MeridioNews – hanno ritenuto il grano «non adatto nemmeno per l’alimentazione animale». Alla nave, dunque, non è stato consentito lo scarico. Alcuni campioni sono stati spediti all’Istituto Zooprofilattico di Palermo per analisi più approfondite.

Le paratie dell’imbarcazione erano addirittura arrugginite, con alcune scaglie di ruggine mischiate nel grano che in alcuni punti cominciava già a germogliare.

MeridioNews

Edy Bandiera parla dell’avvenimento anche sul suo profilo Facebook:

Secondo le fonti locali, il grano era destinato al Mulino Rocca Salva di Modica, che però è stato ritenuto estraneo alla responsabilità sull’importazione del grano kazako. Il Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci, anch’egli, si è espresso con un post sulla sua pagina Facebook ufficiale:

La notizia, dunque, è vera.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News