Minacce a Toti sui social: 36enne denunciato, sequestrati account social e dispositivi

di Bufale.net Team |

Minacce a Toti sui social: 36enne denunciato, sequestrati account social e dispositivi Bufale.net

Minacce a Toti sui social da un lato e un brutto risveglio per la comunità novax.

Comunità che abbiamo messo più volte in guardia, e non per “discriminazione discriminante” (cosa che ci è stata scritta davvero…) e “perché create polarizzazione nella società mettendoci in cattiva luce”. Ma perché l’anonimato su Internet non esiste.

L’hanno scoperto a loro spese gli utenti di gruppi Telegram dediti a scambiarsi minacce e molestie a giornalisti, medici e politici per poi ripubblicarle tra di loro, indagati per terrorismo.

Se ne sono accorti a loro spese gli utenti di chat dove ci si scambiavano consigli su come portare armi bianche e organizzare disordini, svegliati dalle perquisizioni della DIGOS.

L’hanno capito gli avventori di un gruppo inglese di simile indirizzo, che una bella mattina hanno visto tutti i loro post, compresi quelli dove invitavano ad usare balestre contro la campagna vaccinale e dedicarsi ad atti di vandalismo sulle vetture dei medici, pubblicati in prima pagina sui giornali locali.

Era ovvio: sui social, sulle chat, l’anonimato non esiste. L’ha imparato a sue spese un 36enne, denunciato per minacce a Toti sui social.

Minacce a Toti sui social: 36enne denunciato, sequestrati account social e dispositivi

“Se non hai nulla di buono da dire, è meglio il silenzio”, recita un noto proverbio che qualcuno avrebbe dovuto tenere a cuore.

“Io ti sbudello!”, “Se ti becco ti do tante di quelle mazzate…”, “Quante botte ti darei…”

Sono solo alcune delle affermazioni che un 36enne ha rivolto a Toti, governatore della Liguria.

Il giovane, con l’hobby del canto e delle arti marziali, aveva deciso di aggiungere un altro passatempo ai suoi.

Per oltre un mese, con dedizione assoluta, si era dedicato all’hobby poco edificante di inviare minacce di morte e violenze all’indirizzo del governatore della Liguria, venendo quindi indagato e identificato nel corso dell’operazione “Web Haters”.

Dopo il sequestro dei suoi mezzi di comunicazione e dei suoi profili social, dovrà verosimilmente cambiare hobby.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News