L’ideatrice del corteo no pass a Novara dopo le polemiche: “Campi di concentramento nel senso di concentrazione”

di Luca Mastinu |

L’ideatrice del corteo no pass a Novara dopo le polemiche: “Campi di concentramento nel senso di concentrazione” Bufale.net

Del corteo no pass a Novara abbiamo parlato nella giornata di ieri per riportare le polemiche della Comunità Ebraica. I manifestanti, infatti, hanno indossato una pettorina che rimandava alle divise dei deportati dei campi di concentramento e marciavano tenendo insieme un cavo che ricordava il filo spinato. Una scelta che ha fatto orrore a molti, e che alcuni partecipanti hanno rivendicato ritenendosi simili ai prigionieri dei lager nazisti. Nelle ultime ore l’ideatrice dell’iniziativa ha rotto il silenzio rilasciando un’intervista a Repubblica.

L’ideatrice non si dichiara no-vax, essendo infermiera, ma dice di essere a favore della libertà di scelta. Com’è evidente è contraria al green pass, e sulle modalità con cui ha condotto la manifestazione a Novara ha dichiarato a Repubblica:

“È un fraintendimento. Non volevamo accostarci agli ebrei, ma in generale ai deportati. Perché noi siamo la minoranza: ci definiscono terrapiattisti, no vax, fascisti… sono tutte storture. Ora anche gli ebrei: è pazzesco.

Scusi, cosa c’entra il campo di concentramento?

Concentramento nel senso di concentrazione: noi ci siamo concentrati in uno spazio, per manifestare il nostro dissenso. Non volevamo paragonarci ad Auschwitz, se avessi voluto scegliere un campo avrei scelto Dachau in cui c’erano i politici, tutte le minoranze”.

Il giornalista, a quel punto, le chiede se si sia resa conto di avere offeso la memoria. La donna risponde: “Quale offesa? Noi abbiamo mandato messaggi di amore, non di odio”. Aggiunge, infine: “Dobbiamo resistere e non dobbiamo soccombere”.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE - L'articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Latest News