La maestra negazionista di Treviso e la bufala sulle 6 vittime dopo i test Pfizer

di Redazione Bufale |

maestra negazionista
La maestra negazionista di Treviso e la bufala sulle 6 vittime dopo i test Pfizer Bufale.net

Ve la diamo come vera, ma non linkeremo il profilo della maestra negazionista di Treviso, alla luce delle nostre rigide norme interne sulla necessità di evitare la gogna pubblica. Altrove, infatti, sicuramente troverete maggiori informazioni su questa persona, mentre noi ci limiteremo ad analizzare i due fatti che ci interessano di più, dopo aver specificato nella giornata di ieri quali siano state le ragioni che hanno portato al suo licenziamento. Andiamo per gradi e cerchiamo di capire qualcosa in più oggi 19 gennaio.

Cosa condivise la maestra negazionista di Treviso sui sei morti dopo i test del vaccino Covid

Inutile dire che stiamo parlando del vaccino Covid di Pfizer, con la maestra negazionista che lo scorso 13 dicembre 2020 ha condiviso sui suoi profili social una vera e propria bufala. Stiamo parlando delle presunte sei vittime che sarebbero venute a galla dopo la somministrazione del suddetto vaccino. Una vicenda che poco più di un mese fa è stata analizzata in ogni dettaglio anche dai colleghi di Facta News, con alcune sentenze che non lasciano spazio a dubbi.

In primo luogo, parliamo di notizia vera perché la maestra negazionista ha effettivamente condiviso la bufala proveniente da un sito straniero. In seconda istanza, già che ci troviamo, vi spieghiamo perché il fatto in sé (i sei deceduti, apparentemente a causa del vaccino Covid di Pfizer) rappresenti una fake news. Soltanto due persone delle sei che sono morte hanno realmente ricevuto il vaccino in fase test per proteggersi dal Coronavirus.

Come riporta Facta News, dal rapporto di Fda (la fonte primaria in situazioni del genere), la prima persona morta non ha superato un attacco di cuore poco più di due mesi dopo aver ricevuto la seconda dose della vaccinazione. Passando a miglior vita tre giorni dopo e non mostrando alcun effetto collaterale dovuto alla somministrazione.

La seconda persona era invece obesa e con una forma di arteriosclerosi preesistente. Il report ha evidenziato che sia morta di arteriosclerosi tre giorni dopo la prima dose. Insomma, nessuna correlazione con il vaccino Covid di Pfizer e maestra negazionista di Treviso smentita anche su questo.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News