La circolare choc dell’Asl: “Dimettere i pazienti per far posto a migranti”

di Luca Mastinu |

La circolare choc dell’Asl: “Dimettere i pazienti per far posto a migranti” Bufale.net

Cosa succede quando una notizia già verificata su una vicenda sulla quale era già stata fatta chiarezza circola nel momento sbagliato? Gli utenti non avvezzi ad aprire un link, leggere l’articolo e individuarne le coordinate temporali credono di leggere una notizia attuale, dunque la condividono compulsivamente creando l’effetto domino tra i loro contatti, molti dei quali faranno altrettanto. Un articolo pubblicato sul Giornale il 7 giugno 2016 (4 anni fa) ha ripreso a circolare di bacheca in bacheca. Il titolo parlava di “circolare choc” dell’ASL che chiedeva: “Dimettere i pazienti per far posto ai migranti”. No, non è una notizia che interessa la pandemia di oggi e soprattutto non è andata così nemmeno nel 2016.

Un titolo del genere riproponeva una prassi normale riformulata come un vero e proprio processo di scambio tra degenti e migranti, per i quali si disponeva l’ingresso immediato a discapito dei pazienti ricoverati. Già nel 2016 il nostro staff si era occupato della vicenda, e come noi anche i colleghi di Butac. La foto del documento era stata fatta circolare da un deputato sardo sulla propria bacheca Facebook. Si trattava, in sostanza, di una circolare arrivata al Presidio Ospedaliero SS Annunziata di Sassari in vista dell’arrivo di migranti a Porto Torres:

Nella parte evidenziata si leggeva:

Si chiede, inoltre, ai sigg. Direttori delle Unità Operative di ricovero di voler accelerare le procedure di dimissione, per quanto possibile, provvedendo, nel caso non si potesse in mattinata, a dimettere anche nel tardo pomeriggio.

Parole che comprensibilmente suscitano indignazione, ma manca quell’elemento che serve appunto allo spirito critico: la contestualizzazione seguita da una verifica. Il caso, infatti, era esploso sulla pancia di tantissimi cittadini e per questo dalla AOU di Sassari avevano mandato una nota unificata, firmata dall’Assessorato alla Sanità e dal commissario dell’AOU di Sassari. La nota era stata riportata sulle principali testate locali e ripresa anche da Quotidiano Sanità, e recitava quanto segue:

A differenza di quanto afferma il deputato M.P., al Santissima Annunziata non ci saranno dimissioni anticipate di pazienti per far posto ai migranti. Lo precisano l’assessorato della Sanità e il commissario della Aou di Sassari, G.P..
Nella circolare del direttore del Presidio si invitano i Direttori delle Unità operative di ricovero a “voler accelerare le procedure di dimissione, per quanto possibile, provvedendo, nel caso non si potesse in mattinata, a dimettere anche nel tardo pomeriggio”. Ciò significa chiaramente velocizzare procedure già avviate e non dimettere chi non è nelle condizioni di tornare a casa. Peraltro, solo il clinico può decidere chi e quando dimettere e non può essere una circolare a imporgli le dimissioni. Questo dovrebbe sapere il deputato P., prima di iniziare una inutile polemica sul nulla. La sanità sassarese è pronta ad accogliere le persone in difficoltà e tantissimi professionisti si sono messi a disposizione per l’arrivo della nave di migranti e questo non può essere mistificato da bufale costruite ad arte.

Accelerare procedure già avviate, dunque, non dimettere pazienti che non si trovavano nelle condizioni di tornare a casa. Nella nostra analisi pubblicata nel 2016 avevamo parlato di precisazioni, ma con questo rilancio ci ritroviamo a parlare anche di disinformazione in quanto una notizia vecchia viene riproposta oggi e molti utenti credono che si parli di migranti pronti a prendere il posto dei pazienti ricoverati per il Coronavirus.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News