Il primo caso di cane con Coronavirus è tutt’altro che certo: tra sintomi e dettagli cruciali

di Redazione Bufale |

Coronavirus
Il primo caso di cane con Coronavirus è tutt’altro che certo: tra sintomi e dettagli cruciali Bufale.net

Ad Hong Kong nelle ultime ore sono emerse alcune notizie piuttosto preoccupanti riguardanti un cane affetto da Coronavirus. Si tratta di un cane di una paziente che già da giorni si ritrova in isolamento per aver contratto il fantomatico virus che sta spadroneggiando da circa una settimana anche nel nostro Bel Paese. E’ giusto però fare delle precisazioni a riguardo, perché l’allarme lanciato da Hong Kong sta creando ancor più panico tra le persone che si ritrovano a vivere in zone contaminate del Coronavirus.

Vale quanto vi abbiamo riportato poche settimane fa, quando prese piede la notizia di cani e gatti lanciati dalle finestre in Cina per il timore di essere contagiati. Al momento non sussiste alcun tipo di certezza a riguardo, ossia che gli animali domestici possano infettarsi o essere portatori di questo virus. Intanto però il ministero ha fatto sapere che gli animali che vivono con persone che hanno contratto il Coronavirus devono necessariamente stare 14 giorni in quarantena. E’ poi emerso che il presunto cane affetto da questa patologia non stia mostrando alcun tipo di sintomo, anche se dai campioni prelevati dalle cavità orali e nasali effettivamente è stata evidenziata una lieve positività.

Comunicati ufficiali sul caso del cane con Coronavirus

Quest’ultima però può essere anche la semplice conseguenza dell’ambiente in cui ha vissuto questo cane, contaminato proprio dal Coronavirus. E’ quindi assolutamente inutile scatenare qualsiasi tipo di psicosi anche per chi possiede animali domestici, non c’è alcun tipo di certezza che cani o gatti possano ammalarsi a causa del Coronavirus. Nel frattempo però il presidente dell’Epna, Carla Rocchi, che si occupa della protezione animali, ha parlato di bufala. Ha voluto ribadire come la rete sia ricca di notizie false messe in giro da psicopatici per creare ancor più allarmismo sulla situazione Coronavirus. Stando alle parole di Carla Rocchi non è stato registrato alcun contagio tra gli animali domestici. Un comunicato ufficiale delle autorità locali aiuta ad inquadrare meglio la questione.

TRADUZIONE: Un rappresentante del dipartimento di agricoltura, pesca e conservazione ha detto oggi 28 febbraio che un cane è risultato positivo al virus covid 19. Il Dipartimento ha ricevuto una segnalazione dal dipartimento della salute il 26 febbraio riguardo a un cane di un paziente infettato dal coronavirus 19 che gli sarebbe stato affidato. Lo Staff del dipartimento ha recuperato il cane in un complesso residenziale a Tai hang la sera del giorno stesso e ha spedito il cane alla struttura preposta all’alloggiamento per cani del Porto di Hong kong-zhuhai-macao bridge. Campioni orali, nasali e rettali sono stati raccolti per testare il coronavrus. I campioni nasali e orali sono risultati debolmente positivi al virus. Il cane non ha nessun sintomo rilevante. non ci sono altri animali in quella struttura. staff del dipartimento aumenterà ancora di più gli sforzi legati alla pulizia e alla disinfestazione della struttura. in questo momento il dipartimento non ha prove che animali domestici possono essere infettati dal coronavirus o che possano essere una sorgente di infezioni per la gente. il dipartimento monitorerà molto attentamente il cane in questione e raccoglierà ulteriori campioni da testare per confermare se il cane è stato realmente infettato con il virus o se questo è un risultato di contaminazione ambientale della bocca e del naso del cane. Saranno condotti test ripetuti sul cane e Sará restituito al padrone solamente se risulteranno tutti negativi. il rappresentante del dipartimento ha affermato che per assicurare sia la salute del pubblico che quella degli animali il dipartimento consiglia vivamente di mettere in quarantena animali di persone infettate dal coronavirus. gli animali saranno trasportati alle strutture designate del dipartimento per una quarantena e sorveglianza veterinaria di 14 giorni. saranno raccolti inoltre campioni destinati ad essere testati per la presenza di coronavirus nella maniera ritenuta appropriata. il rappresentante ha inoltre ricordato a tutti i possessori di animali di mantenere alti standard igienici lavando le mani a fondo con sapone o con disinfettanti a base alcolica dopo essere entrati in contatto con animali. Proprietari di animali devono indossare maschere mentre vanno in giro. se risultano evidenti cambiamenti nelle condizioni di salute degli animali bisogna cercare consiglio da veterinario il più presto possibile.

E’ evidente come la questione sia alquanto delicata, le notizie che arrivano dal ministero di Hong Kong non devono sicuramente creare alcun tipo di panico, proprio perché il cane non è affetto da Coronavirus, ma ci sono delle situazioni ancora poco chiare che richiedono tempo per essere risolte. Non parliamo quindi di vera e propria bufala, ma per ora non si può assolutamente dire che gli animali domestici possono ammalarsi per colpa del Coronavirus e né tanto meno che possano trasmetterlo all’uomo.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News