GUIDA UTILE Chi è il proprietario di Charlie Hebdo? – Bufale.net

di David Tyto Puente |

GUIDA UTILE Chi è il proprietario di Charlie Hebdo? – Bufale.net Bufale.net

guida-utile-chi-possiede-charlie-hebdo
Ci sono giunte diverse richieste, sia in pagina che via messaggi, sul proprietario di Charlie Hebdo. Così, inaspettatamente e senza un perché, da diversi utenti. Nelle domande c’è un riferimento già noto a Bufale.net, ossia che secondo alcuni dietro la proprietà del settimanale satirico Charlie Hebdo ci sarebbe la famiglia Rothschild. L’argomento l’avevamo già trattato nell’articolo “DISINFORMAZIONE Charlie Hebdo è di proprietà Rothschild” dove analizzammo una notizia totalmente falsa e alterata dalla pessima traduzione.

Chi è proprietario di Charlie Hebdo?

Bisogna fare una premessa: per il settimanale fu creata una società per azioni, la “Les editions Rotative“, azioni che nel 1992 erano detenute per l’80% dai tre disegnatori Philippe Val, Gébé e Cabu, garantendosi di fatto un’indipendenza personale del settimanale da qualunque altro esterno.
Prima dell’attentato di Parigi di inizio 2015 proprio alla sede del settimanale satirico, le azioni erano suddivise tra il direttore ucciso nell’attentato, Charb (40%), dal disegnatore Riss (alias Laurent Sourisseau, 40%) e da Eric Portheault (20%).

Charb
Charb

Dopo la tragica morte del direttore Charb, Riss (attuale direttore) passò a detenere il 70% delle azioni, mentre Eric Portheault (direttore finanziario) il restante 30%.
Laurent Sourisseau
Laurent Sourisseau

Eric Portheault
Eric Portheault

Tutti questi dati vennero riportati dal giornale LeMonde.fr il 21 luglio 2015 nell’articolo dal titolo “L’équipe de « Charlie Hebdo » fête son nouveau statut d’entreprise solidaire“. Nello stesso venne riportato l’annuncio di un’assemblea straordinaria della società del 24 giugno 2015:
annuncio-assemblea-straordinaria-charlie-hebdo
Nell’articolo di LeMonde viene raccontato il fatto che Charlie Hebdo (o meglio la società Le Editions Rotative) diventa la prima impresa editoriale solidale in Francia dove il 70% dei dividendi vengono reinvestiti nel giornale.
[next]

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News