Gaffe del sindaco leghista Andrea Cassani: post contro un tunisino, ma è a lui che incendiano l’auto

di Redazione |

Andrea Cassani

Un epic fail, tanto per utilizzare il gergo dei social, quello che abbiamo registrato in queste ore con il sindaco di Gallarate, Andrea Cassani, che ricopre questo ruolo da tre anni come esponente della Lega. Secondo le ultime ricostruzioni, infatti, il primo cittadino avrebbe pubblicato un post all’interno della sua pagina Facebook nel quale si è scagliato contro un tunisino, come spesso avviene anche sui canali ufficiali del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Stavolta, però, va riscontrato un errore di superficialità, come avvenne a suo tempo con un consigliere leghista stando a quanto vi abbiamo riportato.

Come si nota dall’immagine ad inizio articolo, in queste ore Andrea Cassani ha lanciato un messaggio contro un cittadino tunisino, accusato di aver incendiato un auto “tanto per passare il tempo”. Poi la solita propaganda anti immigrazione, senza sapere neppure se il ragazzo in questione fosse irregolare o meno. Il punto, però, non è questo. In realtà i fatti sono andati in modo diametralmente opposto e in questa circostanza è stato proprio il tunisino ad essere la vittima del fatto di cronaca menzionato dal sindaco leghista.

Secondo la ricostruzione di Repubblica, infatti, un sessantenne del posto, con evidenti disturbi mentali, avrebbe incendiato l’auto del tunisino. Verità pertanto ribaltata da Andrea Cassani, il quale ha evidenziato successivamente di aver lasciato online il post incriminato per appena 6 minuti. Un passo indietro che conferma l’autenticità della gaffe riportata oggi 18 agosto, che ha fatto immediatamente spazio all’attacco nei confronti dei giornalisti e al popolo del web che lo ha criticato.

Insomma, il focus dell’apparente post di scuse da parte di Andrea Cassani è la critica ai Media, che nemmeno a Ferragosto hanno perso tempo nell’attaccare lui e la Lega. Trovate quanto affermato dal sindaco di Gallarate qui di seguito, in modo che ognuno possa farsi una storia su quanto avvenuto con l’ultima polemica social.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News