Extracomunitari immuni al Coronavirus in Italia per il vaccino contro la Tubercolosi: enormi dubbi

di Redazione Bufale |

Extracomunitari
Extracomunitari immuni al Coronavirus in Italia per il vaccino contro la Tubercolosi: enormi dubbi Bufale.net

La catena che ha preso piede domenica sera sui social riguarda il fatto che in Italia gli extracomunitari sarebbero totalmente immuni al Coronavirus, grazie al fatto che possano contare sul vaccino contro la tubercolosi. Un’associazione dettata da deduzioni “mediche”, a detta di molti frettolose, e dalla convinzione che chi arrivi nel nostro Paese possa contare su questa protezione dal punto di vista farmacologico. Al contrario, qui da noi soprattutto gli anziani avrebbero snobbato il richiamo previsto dopo vent’anni dal suddetto vaccino, con tutte le conseguenze del caso sul fronte Covid-19.

I dubbi sull’associazione tra extracomunitari, Coronavirus e vaccino per tubercolosi

L’analisi in questione potrebbe partire dal fatto che, come evidenziato con il nostro post incentrato sul feedback di Roberto Burioni, in assenza di pareri scientifici su questioni così specifiche, sia impossibile sbilanciarsi. Ed il rischio di andare incontro a quelle che il virologo ha chiamato “scemenze“, stando all’articolo odierno, è molto elevato. Ebbene, lo stesso potrebbe essere detto sulla potenziale corrispondenza tra extracomunitari, la diffusione (mancata) del Coronavirus per tali etnie in Italia, ed il fatto che dalla loro ci sia il vaccino contro la Tubercolosi.

La catena in questione che gira su Facebook e WhatsApp presenta numerose falle, in attesa di pareri medici che sicuramente ci diranno di più in merito. Un bilancio preliminare, tuttavia, lo possiamo tracciare immediatamente. I primi riscontri che abbiamo avuto, del resto, lasciano poco spazio a dubbi: la bufala appare evidente.

Un esempio? Si parte dall’assunto che la fonte abbia contattato gli Ospedali Civili di Brescia, Cremona, Chiari. Il motivo? L’autore del post avrebbe chiesto se tra i 2.000 pazienti in terapia intensiva ci fossero extracomunitari, ottenendo risposta negativa. Da lì lo studio successivo, ancora una volta senza fonti, sul fatto che gli indiani vicini a tale soggetto avrebbero evidenziato di essere tutti vaccinati contro la tubercolosi.

Eppure, sempre in rete, non ci sono tracce di eventuali corrispondenze tra il vaccino anti TBC ed il Covid-19. Allo stesso tempo, si fa enorme fatica che le strutture ospedaliere possano rilasciare a chiunque informazioni tanto specifiche sull’etnia dei pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Coronavirus. Come avvenuto con Burioni ed il farmaco giapponese Avigan, tratteremo di nuovo la vicenda con supporto scientifico alle nostre spalle, ma per adesso non ci sono prove per parlare di extracomunitari immuni al Coronavirus, grazie al loro vaccino contro la Tubercolosi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News