Coronavirus, decreto dell’8 marzo: “Ci si può spostare per lavoro in Lombardia all’interno della zona rossa?”

di Luca Mastinu |

Coronavirus, decreto dell’8 marzo: “Ci si può spostare per lavoro in Lombardia all’interno della zona rossa?” Bufale.net

Dopo la pubblicazione del decreto dell’8 marzo per fronteggiare la diffusione del Coronavirus alcuni nostri lettori ci hanno rivolto domande sul contenuto. In una delle più ricorrenti ci viene chiesto: Ci si può spostare per lavoro in Lombardia all’interno della zona rossa?.

La risposta è , con le dovute misure restrittive. Lo apprendiamo dall’articolo 1, comma 1 lettera a del documento presente nella Gazzetta Ufficiale di cui vi riportiamo il testo che ci serve per rispondere:

Evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo (Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, ndr), nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Qualsiasi spostamento in Lombardia e all’interno della zona rossa che non sia motivato da ragioni lavorative o di salute non sarà consentito. Dunque rispondiamo di sì: ci si può spostare per lavoro o motivi di salute in Lombardia e all’interno della zona rossa. Bisogna evitare, invece, gli spostamenti inutili.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News