Castiglione d’Adda: contagiati dal coronavirus marcati con vernice nera

di Bufale.net Team |

Castiglione d’Adda: contagiati dal coronavirus marcati con vernice nera Bufale.net

In tempi di epidemia si scatena il peggio della popolazione tra bufale, bravate e allarmismi.

L’apparizione di misteriose macchie sulle case e sui negozi di Castiglione d’Adda era infatti palesemente in grado di trarre in inganno, stimolando retaggi atavici e manzoniani (per citare i colleghi di Giornalettismo).

La ricostruzione possibile ma riscontratasi essere una bufala era la seguente: bande di cittadini “indinniati”, ovvero la versione moderna della Folla Manzoniana, la Folla 2.0 aveva deciso di farsi banda. E le foto dei contagiati dal coronavirus marcati con vernice nera, o meglio con marchi nello stile della Settima Piaga d’Egitto sulle loro case erano la prova delle loro azioni, unitamente a denunce alle autorità.

Commendevolmente, Giornalettismo ha contattato quelle autorità. Cosa che, sebbene la controinformazione tenti di negare, fa parte del giornalismo e del fact checking responsabili.

Ottenendo il seguente responso dal responsabile comunicazione media del comando locale

«Nella giornata di ieri (2 marzo, ndr), in tre punti differenti che insistono sulla stessa strada di Castiglione d’Adda sono stati riscontrate alcune macchie nere sugli immobili. Uno di questi stabili, inoltre, risulta essere disabitato. In ogni caso, nessuno dei proprietari di questi stabili risulta collegato con i contagi da coronavirus. Ci troviamo di fronte a una semplice bravata, non ci sono episodi di ‘marcature’ o di ‘lettere scarlatte’».

Insomma, non una banda di “cacciatori di contagio”, ma individui annoiati che stemperavano col vandalismo la loro noia, gettando olio esausto sulle mura.

Evento peraltro con precedenti che risalgono a tempi antecedenti l’epidemia stessa, ma che di questi tempi ricevono maggiore attenzione mediatica.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News