BUFALA Il Sindaco di Scraffingiu e gli islamici in Sardegna

di Luca Mastinu |

Fermi.

Chi non vive in Sardegna – e non solo – potrebbe non conoscere la vera identità del Sindaco di Scraffingiu e tanto meno i suoi numeri da cabaret che lo hanno reso famoso. Il problema si aggrava quando a credere a una semplice meme creata ad hoc per mettere alla prova la prontezza di riflessi dell’utenza Facebook siano i sardi stessi, trasportati dall’ondata di indignazione virtuale. Un divide et impera mosso dalla disinformazione, in poche parole. Nelle ultime ore è stato pubblicato un post che ha impiegato pochissimo tempo a diventare un passaparola:

Non sono mancati commenti del calibro di Finalmente un sindaco con le palle!; No all’Islam in Sardegna!” e via discorrendo. La bufala sulla richiesta delle famiglie islamiche di abolire la carne di maiale dalle mense scolastiche è storia passata che si ripropone come la rucola. La messinscena vede genitori musulmani presuntuosi da una parte e sindaci intransigenti dall’altra. Proprio il 30 marzo 2017 pubblicavamo una smentita su affermazioni messe in bocca a Tommaso Locci, sindaco di Monserrato che si era dovuto esporre proprio per porre fine alle falsità a egli attribuite.

Oggi, con nostro stupore, torniamo sull’argomento con un personaggio di pura invenzione. Il Sindaco di Scraffingiu è uno dei fortunati numeri del comico Alessandro Pili del gruppo cabarettista sardo Lapola. I migliori sketch del Sindaco di Scraffingiu – comune ovviamente inesistente – sono raccolti in questo video su YouTube:

Alessandro Pili

Il Condividi se sei concorde posto in chiusura del meme avrebbe dovuto tradire il chiaro intento dell’autore, ma così non è stato. Il Sindaco di Scraffingiu non esiste, così come non esiste il comune di Scraffingiu. Il personaggio è ideato da Alessandro Pili del gruppo cabarettista Lapola. La frase a lui attribuita era già stata usata in una precedente bufala sul sindaco di Monserrato.

Bufala, nella più classica delle forme. Sì, era il caso di porla in analisi.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News