BUFALA Hacker rubano video falsa decapitazione Isis a John McCain – Bufale.net

di David Tyto Puente |

BUFALA Hacker rubano video falsa decapitazione Isis a John McCain – Bufale.net Bufale.net

bufala-video-rubato-falsa-decapitazione-isis
Già da un po di tempo ci chiedete di verificare il presunto video rubato dagli hacker a John McCain, ritenuto come “prova” delle “false” decapitazioni di James Foley e di Ste­ven So­tloff. In passato ci eravamo occupati di una bufala simile.
Controinformo” è stata una delle tante pagine Facebook che hanno diffuso il video, il 13 luglio 2015. Ne riportiamo il testo ad esso allegato:

HAKER RUBANO VIDEO FALSA DECAPITAZIONE #ISIS A JOHN MCCAIN
Il gruppo hacker Cyber Berkut ha rilasciato un video (in meno di un giorno ha raggiunto 200.000 visualizzazioni) dell’esecuzione di un prigioniero dello Stato Islamico girato in uno studio di registrazione. Gli hacker hanno detto che hanno trovato il video su un supporto elettronico dello staff del senatore John McCain. Nel video il prigioniero-attore viene ‘giustiziato’ di fronte a piu’ telecamere. Un attore vestito come giustiziere del gruppo Stato Islamico ha messo un coltello vicino alla gola del ‘sequestrato’ che finge di soffrire. Va ricordato, se mai ce ne fosse bisogno, che molti video, probabilmente tutti, delle decapitazioni, sono dei fake, e servono per giustificare guerre imperialiste dei sionisti in Medio Oriente.
http://nomassoneriamacerata.blogspot.it/2015/07/gruppo-hacker-rilascia-video-di.html
Staff di Controinformo
“Il ruolo di sbarramento che svolge l’artiglieria nella preparazione dell’attacco della fanteria in futuro sarà assunto dalla propaganda rivoluzionaria. Si tratta di spezzare psicologicamente il nemico prima che le truppe comincino ad entrare in azione.”
Adolf Hitler
Ma CHI È il nemico?

Ecco altri siti che ne hanno parlato:

Andiamo per ordine, tenendo conto di un fattore: gli amanti del complotto amano alimentare le loro teorie nonostante l’evidenza dei fatti.

Chi sono i Cyber Berkut?

I cosidetti “Cyber Berkut” sono un gruppo filorusso di cracker (non i biscotti, stiamo parlando in termini informatici), ossia “hacker” che si introducono nei sistemi informatici al fine di trarne profitto o creare danni. Tra questi abbiamo alcuni casi di attacchi ai siti della NATO, al Ministero dell’Interno ucraino e la violazione della corrispondenza di membri del governo ucraino.
Il 10 luglio 2015 pubblicano il video sul proprio sito, con tanto di link diretto per il download del file originale (“Download video original“) che avrebbero ricavato da un supporto elettronico dello staff del senatore John McCain.

Le imprecisioni nel video

Ci sono tre elementi dubbiosi. Il primo riguarda le movenze degli attori, molto diverse dal video diffuso della decapitazione di James Foley. Il secondo riguarda l’illuminazione. Il terzo riguarda l’altezza dello sgozzatore.
Lasciando da parte le movenze, siccome qualcuno potrebbe pensare “eh, ma potrebbe essere una prova o hanno rifatto varie volte il video fino a scegliere quello definitivo“, passiamo i dubbi tecnici.
video-james-foley-confronto
Nel video diffuso online della decapitazione di James Foley la principale fonte luminosa, il sole, è posto alla destra del video. Nel video diffuso dai cracker è il contrario. Le ombre e la loro direzione, come potete vedere, non sono le stesse. Stesso discorso anche per il video di Ste­ven So­tloff.
Dall’immagine sopra potete ben verificare che l’altezza dello sgozzatore è diversa nei due fotogrammi: l’uomo incappucciato del video diffuso nel 2015 è più alto rispetto a quello del video diffuso nel 2014.
Che non sia James Foley ma Ste­ven So­tloff? Ecco un altro confronto, dove anche in questo caso lo sgozzatore non abbia la stessa altezza tra i video del 2014 e quelli del 2015.
video-james-foley-confronto-2

I metadata del video

Mettiamo caso che il complottista di turno si diverta a trollare e a dire “ah, ma potrebbero aver rifatto il video con l’illuminazione giusta, con le movenze giuste e infine con lo sgozzatore più piccolo“. D’accordo, mettiamo pure queste variabili nel sistema, ma su una cosa non si può mentire: i metadata del file originale diffuso dai cracker.
Il file fornito nel loro sito è quello che sarebbe stato prelevato da un supporto elettronico dello staff del senatore John McCain. Scaricandolo e aprendo un semplice programma come MP4 Explorer (potete provare anche con altri programmi atti a leggere i metadata dei file mp4) scopriamo che il file, world_need_to_know_this.mp4, è stato creato il 22 giugno 2015, ma la data della decapitazione di James Foley è il 19 agosto 2014 e quella di Ste­ven So­tloff il 2 settembre 2014.
metadata-video-isis
 

Le visite di McCain in Ucraina

I cracker avevano lasciato un messaggio a McCain nel post del sito:

Expensive senator McCain! We recommend to you next time in foreign trips, and especially for territory of Ukraine, not to take with themselves confidential documents.

L’ultima visita in Ucraina di McCain è datata 20 giugno 2015, ma il video è stato creato il 22 giugno 2015 e diffuso dai cracker il 10 luglio 2015 (19 giorni dopo).

AGGIORNAMENTO ore 16:40

Il sito Cyber-berkut.ru al momento non è più disponibile.

cyber-russi-sito-bloccato-ru
 
Этот сайт заблокирован.
Наиболее вероятные причины блокировки:
недостаточно средств на аккаунте
или
были нарушены Условия предоставления услуг.
Если Вы являетесь владельцем данного сайта
и не можете разобраться в причинах блокировки,
свяжитесь с клиентской службой хостинга.

Potremmo supporre, visto il testo contenuto nel messaggio di apertura del sito, che non hanno rinnovato l’hosting… o sono stati bloccati per aver violato il regolamenti dello stesso hosting.
Possiamo fornirvi gli screenshot della cache di Google in entrambe le lingue, russo e inglese.
cyber-russi-sito-cache-google-en cyber-russi-sito-cache-google-ru
Intanto rimane online il dominio Cyber-berkut.org, il quale però è aggiornato al 9 luglio 2015 e non presenta il video (ecco il salvataggio su Web Archive del 26 luglio: link).
La cosa “comica” è l’hosting dei due domini. Mentre quello .ru è hostato in Russia, quello .org negli Stati Uniti.
whois-ru whois-org

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News