BUFALA Firenze: macellava i cani nel garage e li serviva nel suo ristorante cinese – bufale.net

di Shadow Ranger |

Ci segnalano i nostri contatti la seguente bufala, targata La Nozione:

Un vera e propria macelleria all’interno di un garage. I cani randagi venivano catturati, fatti a pezzi e serviti ai clienti. Il protagonista di questa orrenda pratica è un ristoratore cinese di Firenze, proprietario di un ristorante molto noto. L’uomo cacciava i randagi per la città, una volta catturati, li macellava per poi servirli come piatto tradizionale cinese. Una segnalazione anonima ha permesso di scoprire il garage dell’orrore e far scattare le manette al proprietario.

Le forze dell’ordine hanno apposto i sigilli al locale del “macellaio”. Oltre a una multa di 30mila euro, il ristoratore rischia anche il carcere. Nonostante la scoperta, sorge il dubbio che questa pratica non sia un caso isolato.
Il mondo cinese infatti considera del tutto normale cucinare e mangiare animali che in Occidente sono considerati domestici e quindi non soggetti a diventare un piatto con cui saziare il proprio appetito.

È evidente che la cultura italiana non è pronta a questo tipo di cibi, noi che consideriamo i cani “più che animali” e che quindi non li riteniamo cibo, dato lo speciale rapporto che hanno intrattenuto, sin dagli albori della storia umano, con l’uomo. La carne di cane dunque non deve essere servita in alcun ristorante, e questa pratica di quest’uomo è davvero abominevole e meriterebbe l’ergastolo a vita!

CLICCA E CONDIVIDI QUESTA INCREDIBILE NOTIZIA! LA VIOLENZA SUGLI ANIMALI È UNA COSA VERGOGNOSA E DA CONDANNARE SU TUTTI I FRONTI! I CANI IN ITALIA NON SONO CIBO, MA AMICI DA AMARE E COCCOLARE, SEMPRE PRONTI A STARCI ACCANTO IN OGNI MOMENTO! SE I CINESI NON LO CAPISCONO, PROBLEMI LORO!

I più attenti di voi ricorderanno di aver già letto qualcosa di simile: ce ne eravamo occupati infatti a gennaio del 2016, quando, come riporta Adnkronos il Corriere del Corsaro, una delle infinite Camere dell’Eco, decise di rilanciare quella notizia, seguito a ruota da tutte le altre Camere intente a strappare qualche like da una notizia atta a combinare in sè le attenzioni degli animalisti coi rigurgiti xenofobi del lettore medio.

Ed è su questi ultimi che punta la re-versione offerta da La Nozione, che ne mutua il testo aggiungendo uno j’accuse dal sapore di dichiarazione di guerra dove con lirici accenti si chiama alla battaglia il popolo italiano tutto contro “i cinesi”, congerie nemica descritta con moti dell’animo degni della peggiore fiction pulp del Terrore Giallo in un’epica battaglia tra il bene ed il male, tra l’Occidente e l’Oriente, tra l’amore e l’odio, da combattersi rigorosamente a colpi di likes e Condividi se sei inca**ato!!!!!111!

La presunta foto del povero cane catturato dal malvagio ristoratore Sinofiorentino? Foto di repertorio destinata ad illustrare un articolo sul consumo di carne canina in Corea.

Corea, non Firenze.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News