Amazon banna gli store con prodotti a marchio QAnon

di Shadow Ranger |

Amazon banna gli store con prodotti a marchio QAnon Bufale.net

Vedendo le immagini del muratore QAnon dell’Iowa che insegue Eugene Goodman, il poliziotto eroe del Congresso tutti ci siamo fatti una domanda.

E la domanda era: dove il tizio ha preso un maglione coi simboli di QAnon?

Amazon invece, dopo aver buttato fuori Parler (il social più usato dai QAnon bannati da Facebook e Twitter) dai suoi server si è fatto una domanda più astuta.

“Perché dovremmo consentire a gente che vende prodotti col marchio di una organizzazione nota come una minaccia interna alla sicurezza di lucrare alle nostre spalle?”

E quindi Amazon banna gli store con prodotti a marchio QAnon.

Al principio gli store online si vedranno rimuovere ogni singolo prodotto a marchio QAnon, compresi libri, anche ebook, vestiti, abiti, poster, fotografie ma, generalmente, qualsiasi cosa riconducibile al Culto Complottista.

L’operazione richiederà, naturalmente, del tempo. E al momento potrebbero esserci prodotti sfuggiti alla prima pulizia.

Ma non vi consigliamo affatto di provare a fare bagarinaggio di prodotti legati ai moti del Congresso: alla prima banwave seguirà il blocco degli store recidivi, e il ban di chiunque aiuti a evadere i blocchi.

In pochi giorni quindi la presenza virtuale dei complottisti di QAnon sarà azzerata anche sugli store virtuali.

Amazon banna gli store con prodotti a marchio QAnon, ricordiamo, consegue ad Amazon che banna Parler, a Faceboook che banna i QAnon per primi, e poi l’account stesso del Presidente Uscente Trump, a Twitter che banna l’account del presidente Uscente, di diversi QAnon e di tutti quelli che prestano account ai bannati ed una campagna generale di lotta alle ideologie del Patriota Q.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News