TRUFFA Rick Simpson e l'olio di Cannabis come cura contro il cancro e altre malattie – Bufale.net

di David Tyto Puente |

TRUFFA Rick Simpson e l'olio di Cannabis come cura contro il cancro e altre malattie – Bufale.net Bufale.net

truffa-olio-cannabis-rick-simpson
In un precedente articolo avevamo spiegato la storia di David Hibbitt, il ragazzo inglese che sosteneva di essersi curato dal cancro grazie all’olio di cannabis ma che, in realtà, è stato curato dai metodi tradizionali.
Nell’articolo pubblicato il 28 luglio 2015 dal sito Panecirco.com dal titolo “Gli hanno dato 18 mesi di vita. Ecco come ha curato illegalmente il suo tumore“, in cui si raccontava la storia di Hibbitt, veniva citato un altro caso famoso, quello di Rick Simpson:

Rick Simpson è un’altra persona che ha curato il cancro con la marijuana. Lui spiega che le grandi aziende farmaceutiche hanno interesse che le straordinarie proprietà curative della marijuana non siano divulgate, perché troppo economica rispetto alle costosissime cure tradizionali da cui traggono enormi profitti.

Il sito Frasideilibri.com pubblica il 19 agosto 2015 un articolo dal titolo “Rick Simpson: la mia ricetta per preparare l’Olio di Cannabis come cura contro il Cancro e altre malattie” nel quale leggiamo le seguenti frasi:

“Una volta che le persone vengono a conoscenza del fatto che con la canapa è possibile curare e controllare praticamente qualsiasi patologia medica, chi può desistere dal provarla?”
Rick Simpson ha dedicato la sua vita ad aiutare le persone malate e sofferenti (di qualsiasi tipo di malattia e disabilità), con l’uso dell’olio di canapa naturale.
L’olio di canapa di Rick Simpson si rivela efficace nella cura del cancro.
Rick Simpson è un attivista della marijuana medica e da quasi un decennio fornisce alle persone informazioni dettagliate sulle proprietà curative dei medicinali prodotti con l’olio di canapa. Rick ha guarito se stesso da un melanoma metastatico nel 2003 e da allora ha dedicato la sua vita a diffondere la verità sull’olio di canapa.

ricksimpsonsbook
Su questo tema riproponiamo il testo e le conclusioni pubblicate dal precedente articolo su Hibbit:

Esistono numerosi studi in cui sono stati usati dei cannabinoidi, ma nonostante tutto non vi sono solide prove per sostenere che i cannabinoidi o la cannabis siano una cura contro il cancro. Infatti queste ricerche si sono svolte esclusivamente su culture cellulari di cellule tumorali o su animali.
Bisogna fare attenzione. Una ricerca del 2004, intitolata “Cannabinoids induce cancer cell proliferation via tumor necrosis factor alpha-converting enzyme (TACE/ADAM17)-mediated transactivation of the epidermal growth factor receptor” e pubblicata su Publmed, rivela che l’uso di queste sostanze può favorire la crescita del tumore o addirittura depotenziare il sistema immunitario.
Per sostenere una tesi più concreta e attendibile bisognerebbe fare un vero e proprio test clinico, ma al momento non ve ne sono stati, salvo qualche esperimento privo di gruppo di controllo (come quello svolto in Spagna su 10 pazienti, morti dopo un anno). Anche se non ci fossero state le operazioni e le sedute di radio e chemioterapia, non è assolutamente possibile credere con certezza a dei singoli casi o a testimonianze in rete come quelle di David Hibbitt.
Suggerire tali pratiche senza seri studi scientifici può porre ulteriormente in pericolo la vita dei malati di tumore, non essendoci certezze riguardo le dosi di olio di cannabis da utilizzare, i metodi di somministrazione e soprattutto senza conoscerne gli eventuali effetti collaterali da persona a persona. Per questo esistono i test clinici, per scoprire ogni singola variazione possibile e valutare l’efficacia di una terapia.

Concludiamo con un esempio, quello di un ragazzo che ha tentato di curarsi con questa “tecnica miracolosa”. Per testimoniare la sua storia e il suo tentativo ha pubblicato una serie di 16 video su Youtube: My journey with cancer-Simpson oil.
La reazione finale fa capire come è stato illuso:

A differenza di Hibbit, Simpson ci guadagna.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News