Stan Lee condanna fanatismo e razzismo in una colonna dei fumetti Marvel

di Bufale.net Team |

Stan Lee condanna fanatismo e razzismo in una colonna dei fumetti Marvel Bufale.net

Nella sua rubrica mensile della Marvel Comics, Stan Lee scrisse che “il razzismo e il bigottismo sono tra i mali sociali più letali che affliggono il mondo oggi”.

stan lee

Dalla sua recente morte, avvenuta il 12 novembre 2018, i fan del patriarca della Marvel Comics Stan Lee hanno condiviso un suo messaggio in cui condanna il bigottismo, pubblicato quasi esattamente 50 anni prima.

Lee, che ha co-creato i supereroi come X-Men e Black Panther durante il suo incarico come caporedattore della compagnia, ha sfidato il pregiudizio, direttamente, in un’edizione del 1968, nella sua rubrica “Stan’s Soapbox”, nelle rubriche Marvel tra il 1967 e 1980.

Lee Scrisse:

Il bigottismo e il razzismo sono tra i mali sociali più letali che affliggono il mondo oggi. Ma, a differenza di una squadra di super-cattivi in costume, non possono essere fermati con un pugno o da una pistola a raggi. L’unico modo per distruggerli è esporli – rivelarli per i mali insidiosi che sono veramente. Il bigotto è un irrispettoso odiatore, uno che odia ciecamente, fanaticamente, indiscriminatamente. Se il suo rammarico è per gli uomini neri, odia TUTTI gli uomini di colore. Se una rossa una volta lo ha offeso, odia TUTTE le rosse. Se qualche straniero lo ha picchiato a un lavoro, è contro TUTTI gli stranieri. Odia le persone che non ha mai visto – persone che non ha mai conosciuto – con uguale intensità – con lo stesso veleno.

Ora, non stiamo cercando di dire che è irragionevole, per un essere umano, insidiarne un altro. Ma, anche se qualcuno ha il diritto di detestare un altro individuo, è totalmente irrazionale, per così dire folle condannare un’intera razza – a disprezzare un’intera nazione – a denigrare un’intera religione. Prima o poi, dobbiamo imparare a giudicarci l’un l’altro per i nostri meriti. Prima o poi, se l’uomo sarà mai degno del suo destino, dobbiamo riempire i cuori di tolleranza. Perché allora, e solo allora, saremo veramente degni del concetto che l’uomo è stato creato a immagine di Dio, un Dio che ci chiama TUTTI i Suoi figli.

Invece di usare la sua frase abituale, “Excelsior”, Lee ha firmato la colonna “Pax et Justitia” – in latino “Pace e giustizia”.

L’account Twitter verificato di Lee ha pubblicato la colonna nella sua interezza nell’agosto 2017, poco dopo l’uccisione di Heather Heyer da parte di un nazionalista bianco mentre prendeva parte a una manifestazione antifascista a Charlottesville, in Virginia. Il post è stato cancellato dopo che Lee stesso ha assunto il controllo dell’account nel maggio 2018. In un video Lee ha ribadito il concetto.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

Latest News